25 settembre 2019 - Ravenna, Arte

Luigi Visconti racconta l’Avana in un’esposizione alla Galleria Fotografica Parallax

“Crocevia” racconta la città cubana attraverso la lente degli incroci stradali

Sarà inaugurata sabato 5 ottobre, dalle 18 alle 22, l’esposizione fotografica “Crocevia” di Luigi Visconti, che racconta, alla Galleria Parallax, in via Port’Aurea 5A, a Ravenna, la città dell’Avana, a Cuba, attraverso la lente degli incroci stradali. In questa serie di scatti di Luigi Visconti il paesaggio urbano fa da protagonista, con elementi che gli sono tanto cari: i colori, le linee di fuga, l’effetto prospettico e la visione grandangolare. Ingresso libero.

Ispirato dalla diversità estetica delle città, Visconti documenta con queste fotografie uno spaccato della vita quotidiana dell’Avana, e propone una sosta intima, nel cuore dei suoi crocevia. Vi cattura immagini di incroci affollati e di architetture straordinarie. Più lontano, all’orizzonte, l’Avana si erge, piena di luce, malandata ma bella e orgogliosa dei suoi bagliori coloniali ancora percepibile, e delle sue automobili di un’altra epoca.

In primo piano, le persone si appropriano dello spazio, si incrociano qua e là, all'angolo delle strade.

L’incrocio come metafora della vita. La vita è piena di incroci, due strade si incrociano, sguardi e vite si incrociano, si incrociano le cuciture per fare un vestito, le mani per pregare, si incrocia qualcuno per caso, ma esistono anche incroci di idee, di pensieri e di culture.

Le foto degli incroci dell’Avana sono di un fascino immediato che rapisce lo sguardo, fa viaggiare la mente, e ci inducono a fantasticare sulle dinamiche sociali e esistenziali degli abitanti dell’Avana che sono anche le nostre, e che caratterizzano il nostro tempo.

Il fotografo

La fotografia è per Luigi Visconti una passione. Ispirato dalle immagini di paesaggi in bianco e nero di Ansel Adams, decise un giorno di allestire la sua propria camera oscura ove cominciò a sviluppare e stampare in bianco e nero.

 Nel 1998 si trasferisce dalla sua città natale Ravenna, a Parigi, dove comincia a sviluppare un certo interesse per il grande formato e l’uso del banco ottico che gli permettono di fotografare panoramiche d’architettura e paesaggi.

 Visconti affascinato dalle città, comincia a viaggiare con la sua fotocamera per immortalare le vedute ineguagliabili dello skyline di New York, l'architettura verticale quasi claustrofobica dei grattacieli di Hong-Kong nonché città in continua evoluzione e rivolte verso il futuro come Dubai e Shanghai. Impara a esplorare questi luoghi sotto ogni angolo, dall’alto delle sue torri, fino sotto nelle strade, di notte come di giorno, dove automobili e figure umane si intrecciano nel trambusto della vita quotidiana.

 L’importanza dei colori e l'architettura diventano il tema principale delle sue fotografie. Le fotografie che Luigi scatta sono una sfida, e mostrano ogni volta la sua vera personalità sotto una luce diversa.

 Tramite il suo lavoro, Luigi cattura un patrimonio architettonico variegato e straordinario, condividendo la sua passione per la fotografia. Lavora sia con il grande formato che con il digitale, consentendogli di catturare dettagli estremi e produrre prospettive inusuali. Si tratta di un lavoro che richiede grande pazienza.

 Luigi vive e lavora tra Parigi e Londra, e le sue fotografie sono esposte in diverse gallerie, tra cui Box Galleries a Londra, Envie d’Art e K+Y a Parigi, Artitled nei Paesi Bassi, e Lumas a Dubai, Milano e New York.

Tag: fotografia

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.