25 settembre 2019 - Ravenna, Cronaca

Negato il rinvio del processo d’appello: per Matteo Cagnoni l’accusa chiede la conferma dell’ergastolo

L’imputato non si è presentato in aula a causa delle precarie condizioni psicofisiche

La Corte d'assise d'appello di Bologna ha rigettato la richiesta della difesa di Matteo Cagnoni di rinviare il processo per le condizioni fisiche dell’imputato definite precarie. Nell’udienza che si è tenuta questa mattina, mercoledì 25 settembre, negati al dermatologo, che non si è presentato in aula proprio asserendo di essere malato, anche gli arresti domiciliari in clinica.

La procura generale ha quindi chiesto conferma dell'ergastolo a cui Cagnoni è stato condannato in primo grado. Domani, giovedì 26 settembre, è in programma l'arringa difensiva, mentre nel pomeriggio potrebbe già arrivare la sentenza.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.