8 ottobre 2019 - Ravenna, Cronaca, Sport

Gli Ultras Ravenna boicottano il minuto di silenzio a Trieste: “Disparità di trattamento verso la morte di un lavoratore”

“Nulla a che fare con i fatti che riguardano il tifo ravennate e la Questura di Ravenna”

Pioggia di polemiche con al centro gli Ultras Ravenna dopo la vittoriosa trasferta del Ravenna FC, che ha vinto per 0-1 sul prestigioso campo del Nereo Rocco di Trieste. A creare scalpore è stata la protesta dei tifosi giallorossi, che, durante il minuto di silenzio per ricordare i due poliziotti uccisi nel pomeriggio del 3 ottobre 2019 in Questura proprio nel capoluogo giuliano, sono usciti dallo stadio.

“La nostra forma di protesta – si legge sulla pagina Facebook degli Ultras –, composta e non violenta, di disertare il minuto di silenzio è dovuta alla disparità di trattamento verso la morte di un lavoratore, qualsiasi esso sia. Non ha nulla a che fare con i fatti che riguardano il tifo ravennate e la Questura di Ravenna. Continueremo con questa posizione anche in futuro finché non sarà equiparata la morte di tutti i lavoratori”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019