21 ottobre 2019 - Ravenna, Cronaca, Economia & Lavoro

Emergenza cimice asiatica, istituito un fondo da 80 milioni di euro per le aziende colpite

L'assessore regionale Simona Caselli: “Un primo segnale importante”

“Un primo segnale importante. Una prima concreta disponibilità a favore delle imprese così duramente danneggiate. L’auspicio è che ora il Fondo possa essere ulteriormente rafforzato durante l’iter parlamentare”. Così l’assessore regionale all’Agricoltura Simona Caselli, che oggi a Ferrara ha partecipato  all’incontro, convocato dal prefetto Michele Campanaro, sull’emergenza cimice asiatica, durante il quale il ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova, ha annunciato l’istituzione nella prossima Legge di Bilancio di un fondo triennale  da 80 milioni di euro.

“Ringrazio il ministro Bellanova per l’attenzione con cui, fin dai giorni immediatamente successivi al suo insediamento, ha seguito questo problema, accogliendo le proposte contenute nel Piano che come Regione  Emilia-Romagna abbiamo messo a punto con il mondo agricolo e  condiviso con le altre Regioni del Nord Italia. Ora occorre proseguire in questo impegno congiunto delle Istituzioni perché la battaglia contro la cimice asiatica la si può vincere solo tutti insieme”.

Oltre agli indennizzi alle aziende colpite, il Piano messo a punto dall’Emilia-Romagna prevede anche la necessità di una legge nazionale per la sospensione dei versamenti contributivi previdenziali, un passaggio questo ritenuto  fondamentale per evitare alle aziende stesse di trovarsi in situazioni di irregolarità  che potrebbero impedire loro di beneficiare in futuro di  contributi pubblici; l’integrazione delle giornate lavorate per vedere riconosciuta la disoccupazione ai lavoratori agricoli;  un rinnovato impegno per la ricerca e sul fronte europeo per introdurre alcune modifiche all’Ocm Ortofrutta e rafforzare il sostegno alle aziende del comparto.

Per quanto riguarda le iniziative avviate direttamente dalla Regione, Caselli ha ricordato quelle adottate per venire incontro da subito alla crisi di liquidità delle aziende. Dopo un primo stanziamento da 250mila euro per mutui a tassi agevolati, grazie alla recente modifica della legge regionale sul credito, sarà possibile raddoppiare gli stanziamenti abituali ai Confidi per portare i mutui sul prestito di conduzione a scadenze  di tre-cinque anni, con precedenza assoluta nel nuovo bando per le imprese danneggiate dalla cimice.  Ma non solo. Ammontano a 13 milioni di euro le risorse stanziate per le reti antinsetto, con un nuovo bando in arrivo a breve che grazie a precedenti economie, metterà  a disposizione 2 milioni di euro, elevando la quota di contributo pubblico all’80%, mentre un nuovo bando  da 1 milione di euro a favore dei Goi, i Gruppi operativi per l’innovazione, permetterà di proseguire l’impegno sul fronte della ricerca.

Danni per oltre 350 milioni di euro per pere, pesche e nettarine

Danni per oltre 350 milioni di euro per le sole pere, pesche e nettarine, mezzo milione di giornate lavorate in meno e un perdita media per ettaro che può essere calcolata in 8.600 euro. Questa la prima, provvisoria stima dell’impatto che la cimice sta avendo nel Nord Italia secondo l’analisi compiuta dal Centro servizi ortofrutticoli di Ferrara.

Di fronte a questo quadro, diventa importante trovare rapidamente una soluzione.  Tra queste l’introduzione della vespa samurai.

“Siamo di fronte a un’emergenza nazionale che rischia di diventare anche europea – ha ricordato Caselli - visto che la cimice ha fatto la sua comparsa anche in Francia, Austria e Spagna. Ora occorre accelerare sul fronte della ricerca, con un’attenzione particolare alle possibilità offerte dalla vespa samurai, il più promettente antagonista naturale della cimice”.

Dopo il via libera da parte del Governo all’utilizzo di questo insetto, la Regione -  in attesa che si completi lo studio preliminare del Crea, il Consiglio per la ricerca e l’analisi dell’economia agraria -  sta attrezzandosi per poter fare già in primavera i primi lanci in campagna. “Sarebbe un segnale importante anche nei confronti del mondo agricolo. Occorre accelerare al massimo l’iter per poter partire. Noi siamo pronti”

Reazione positiva anche da Confagricoltura

“Apprezziamo l’impegno del ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova che, nel corso dell’incontro che si è svolto oggi a Ferrara, ha annunciato un immediato intervento finanziario per le aziende colpite dalla cimice asiatica di 40 milioni di euro, a cui si aggiungerebbero altri 40 milioni per i prossimi due anni. Una buona base di partenza, anche se ancora lontana da quelle che sono le reali necessità delle aziende che, solo per pere e pesche, hanno subito danni per 350 milioni di euro”. Così il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti ha commentato l’esito dell’incontro che si è svolto in Prefettura, per discutere dei danni provocati da questo terribile insetto. Un vero e proprio flagello che rischia di affossare il settore ortofrutticolo del Nord Italia. Sono migliaia, infatti, le aziende agricole che minacciano di estirpare i frutteti, dove le perdite vanno dal 40 al 100% della produzione, mandando in fumo ingenti investimenti realizzati negli anni, ma anche tradizioni produttive e possibilità occupazionali per migliaia di persone. 

Confagricoltura ha accolto positivamente l’annuncio dell’avvio della riforma Fondo di solidarietà nazionale e la convocazione di un tavolo di confronto con l’Associazione Bancaria Italiana per verificare la possibilità di una moratoria sui mutui per le imprese agricole colpite. Così come la possibilità, prospettata dal ministro Bellanova, di un coinvolgimento dell’Unione europea per trovare ulteriori risorse attraverso l’utilizzo dell’art.241 del Regolamento comunitario 1308/2013. Provvedimenti più volte sollecitati da Confagricoltura che permettano di ristorare la liquidità delle imprese agricole colpite e che compensino le pesanti perdite di reddito subite da alcuni comparti. Misure di emergenza come i benefici previsti in termini di esenzioni dai pagamenti fiscali, degli oneri previdenziali, nonché di tutte le forme di agevolazione creditizia e di sospensione dei pagamenti relativi alle varie forme di indebitamento a carico delle imprese.

“Abbiamo anche chiesto al ministro di mettere in campo tutte le risorse necessarie per fornire agli agricoltori gli strumenti di difesa necessari per contrastare la cimice asiatica – ha  detto il presidente della Federazione nazionale ortofrutticola di Confagricoltura Albano Bergami, che ha partecipato oggi all’incontro - promuovendo la ricerca scientifica e sollecitando il ministero dell’Ambiente a varare le linee guida per l’introduzione della vespa samurai, antagonista naturale nei Paesi d’origine dell’insetto, l’unica in grado di agire efficacemente, dal momento che tutti i rimedi messi finora in atto, dalla lotta chimica con antiparassitari, a quella biologica con antagonisti indigeni, fino alle reti protettive, attenuano il danno, ma non sono sufficienti.”

L’auspicio di Confagricoltura è che il dialogo iniziato oggi prosegua e che si apra subito una discussione seria in tutte le sedi istituzionali per salvaguardare un comparto fondamentale per l’economia agricola, ma anche per quella dell’intero Paese.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019