23 ottobre 2019 - Ravenna, Cronaca

Chiede il riconoscimento della protezione internazionale, ma era un ricercato

Arrestato per spaccio

La Polizia di Stato ha arrestato un 24enne cittadino tunisino, per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Ieri mattina, insieme al proprio difensore si è presentato allo sportello dell’Ufficio Immigrazione della Questura ai fini della registrazione dell’istanza finalizzata al riconoscimento della protezione internazionale.

All’atto della ricezione dell’istanza l’operatore addetto al front office si è accorto che nei confronti dell’uomo era pendente un provvedimento di ricerca su tutto il territorio nazionale.

La pratica è stata immediatamente passata agli investigatori della Squadra Mobile che hanno accertato che il 24enne era destinatario di un provvedimento di revoca del decreto di sospensione di ordine di esecuzione per la carcerazione e ripristino dell’ordine medesimo”, emesso lo scorso 7 ottobre dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Piacenza, dovendo espiare la pena residua di anni 2, mesi 5 e giorni 12 di reclusione, oltre alla multa di euro 6000,00.

Al termine delle formalità di legge è stato condotto alla Casa Circondariale di Ravenna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.