25 ottobre 2019 - Ravenna, Politica

LpR lancia una proposta tecnica per i servizi igienici in zona stazione

Scrive una lettera direttamente al dirigente del servizio Edilizia pubblica del Comune di Ravenna, Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna in Consiglio Comunale, lanciando una proposta tecnica per la realizzazione di servizi igienici in zona stazione.

“Egregio ingegnere,

rientrano nelle Sue competenze i servizi igienici pubblici di proprietà del Comune di Ravenna, affidati ad Azimut spa. Problema da sempre irrisolto è che non ce n’è alcuno nell’intera zona stazione. Questa mancanza è particolarmente sentita, trattandosi dello spazio urbano più frequentato dai cittadini ravennati, come dalle masse dei visitatori e dei turisti in arrivo o in partenza coi treni o coi bus pubblici.

Lista per Ravenna se ne è più volte occupata in passato, incontrando opposizione all’insediamento di almeno una di tali strutture, essendo zona soggetta a vincoli della Soprintendenza archeologica.

In coerenza con l’impegno espresso nel proprio programma di mandato 2016-2021, Lista per Ravenna, intendendo compiere una verifica sulla possibilità di superare queste difficoltà, si è orientata sul lato sud della stazione ferroviaria, dove non sussistono vincoli di tale genere. In proposito, ha chiesto ed ottenuto, a livello di rapporti istituzionali, la collaborazione tecnica di Azimut, a seguito della quale Le sottopongo l’opportunità di dar corso alla proposta seguente.

Intendo che gli adempimenti conseguenti rientrino per intero nelle Sue funzioni, sulla base dell’art. 107 del Testo unico sull’ordinamento degli enti locali, secondo cui ‘la gestione amministrativa, finanziaria e tecnica è attribuita ai dirigenti mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo’”.

Il luogo

“L’area indicata – prosegue Ancisi – è il verde pubblico di viale Pallavicini prospiciente il Dopolavoro ferroviario, dove già esiste una cabina di Hera per la decompressione del gas metano (vedi foto). Qui è possibile, semplice ed economico insediare un monoblocco prefabbricato di servizi igienici, del tipo già disposto da Azimut in viale Santi Baldini (a breve distanza da lì), in via Pasolini e da ultimo presso il mercato ambulanti di piazza Zaccagnini/via Sighinolfi (vedi altra foto). La posizione è molto favorevole perché è prossima, oltreché alle stazioni dei treni e dei bus pubblici, all’Isola di San Giovanni/Giardini Speyer ed incrocia i passanti diretti o in uscita dall’attiguo sottopasso ferroviario che collega il centro storico con la Darsena di città”.

Elementi tecnico-economici

“Essendo amovibile – spiega Ancisi –, il manufatto non pone problemi di regolamento edilizio per la sua installazione.

Per il servizio di pulizia manuale delle toilette pubbliche comunali, Azimut si avvale della cooperativa sociale San Vitale, facente parte della sua compagine azionaria. Il blocco dei servizi igienici in questione se ne può avvalere facilmente, perché essa gestisce il confinante parcheggio pubblico a pagamento delle auto e delle biciclette.

L’investimento del Comune di Ravenna non supera i 20 mila euro (tra il costo del monoblocco e quelli dell’installazione e degli allacciamenti fognario ed elettrico), che Azimut anticipa e l’amministrazione comunale rimborsa con rate frazionate in nove anni.

La tariffa d’uso del servizio è di cinquanta centesimi.

I tempi di esecuzione sono modestissimi. Dal momento in cui il monoblocco è ordinato all’impresa fabbricante servono due mesi per la consegna e 20 giorni per gli allacciamenti.

Egregio ingegnere, resto a Sua disposizione per ogni eventuale approfondimento, grato se vorrà accogliere questa proposta, in ragione dell’interesse pubblico che la sollecita”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019