28 ottobre 2019 - Ravenna, Cronaca

Autorità Portuale, ennesimo ribaltone: sospensione dei vertici annullata dal Tribunale del riesame

Cancellato il provvedimento disposto dal GIP di Ravenna il 25 settembre scorso su richiesta della Procura di Ravenna

Ennesimo colpo di scena nella vicenda legata all’indagine sull’inquinamento ambientale causato dal relitto della nave Berkan B, che aveva portato, lo scorso 25 settembre, alla sospensione dei vertici dell’Autorità Portuale di Ravenna, decisa dal GIP su richiesta della Procura di Ravenna. Il Tribunale della Libertà di Bologna, infatti, ha annullato oggi, lunedì 28 ottobre, la sospensione del Presidente, Daniele Rossi, del Segretario Generale, Paolo Ferrandino e del Direttore Tecnico, Fabio Maletti, che tornano quindi in carica.

Il provvedimento di sospensione, emesso per la prima volta il 9 settembre, era già stato revocato il 19 salvo poi venire confermato dal GIP. Ora, dopo l'udienza davanti il Tribunale della Libertà, svolta in contraddittorio fra il Pubblico Ministero di Ravenna Dottoressa Angela Scorza ed i difensori delle parti avvocati Sirotti e Cavallari del Foro di Bologna, la telenovela si arrichhisce di un nuovo capitolo, mentre si attendono le motivazioni della sentenza che verranno pubblicate successivamente.

Il Presidente Rossi ha commentato: “Avevo riposto grande fiducia nel Tribunale della Libertà e ne ho molto apprezzato l'analisi competente, professionale e tempestiva. Ora ci apprestiamo a riprendere subito il lavoro interrotto con la determinazione e l'entusiasmo di sempre”.

 

Leggi anche: 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.