4 novembre 2019 - Ravenna, Arte, Politica

La colonna del 1500 in via Cavour liberata dai cartelli stradali

“La colonna del 1500 stile veneziano (in termini tecnici “parasta”) della Farmacia Ghigi, in angolo tra via Cavour e via Cattaneo, ha vinto in rimonta la sua difficile partita contro i cartelli turistici che la deturpavano”, annuncia in una nota il Capogruppo in Consiglio Comunale di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi.

“Davanti a questo prezioso bene architettonico, situato nella storica Casa Ghigi – spiega il leader d’opposizione –, era da molto tempo impiantato un palo del servizio turistico comunale con vari cartelli direzionali dei monumenti circostanti e dei servizi igienici pubblici. Le scritte erano posto in alto con lettere tanto minuscole, che la farmacia funzionava come ufficio informazioni turistiche”.

“Il problema dei cartelli ingombranti – aggiunge Ancisi –, oltreché poco funzionali, si è posto quando, celebrando nel 2019 i propri duecento anni di vita, la farmacia ha inteso regalare a se stessa, a via Cavour e alla città il restauro della colonna antica, commissionandolo ad una ditta specializzata. Per eseguire i lavori, le farmaciste della famiglia Bignardi, proprietaria dell’immobile dal 1957, chiesero che il palo fosse spostato in uno degli altri tre angoli dell’incrocio, che insiste anche sulla via Argentario: innanzitutto durante il periodo dei lavori, iniziati il 2 settembre, ma anche per il dopo, ritenendo che la colonna, riportata allo splendore originario, impreziosisse la zona circostante, viceversa svalutata dai cartelli. Fu però accolta solo la prima richiesta, ragion per cui, al termine dei lavori, fissato per l’8 ottobre, il palo sarebbe ritornato dov’era. Un sopralluogo del servizio Strade aveva dato responso negativo al trasferimento definitivo, anche perché non consenziente la proprietà del negozio in fronte a cui il palo avrebbe potuto avere una nuova sede”.

Il racconto del leader di LpR poi prosegue: “Il 27 settembre, la farmacia, consigliata da terzi, sottopose il problema a Lista per Ravenna, la quale il 2 ottobre, facendo sì che ne fosse informata anche la Soprintendenza ai beni architettonici, presentò mio tramite al sindaco un’interrogazione urgente, argomentando la necessità che l’istanza della farmacia avesse l’esito ragionevole. È allora entrato in campo l’assessore al Turismo Costantini. Recatosi personalmente sul posto, egli mi ha poi comunicato che, avendo avuto ‘modo di parlare con le titolari delle attività interessate’ senza trovare ‘le parti concordi sulle soluzioni anche solo ipotizzate di riposizionamento delle indicazioni’, aveva deciso, ‘in accordo con l’ufficio Strade, di prendere più tempo per trovare una soluzione alternativa, di mantenere nel frattempo la temporanea e di concedere una proroga all'atto di occupazione che la Farmacia ha fatto contestualmente all'inizio dei lavori di recupero della Colonna’, aggiungendo poi: ‘Consapevole che la soluzione che individueremo non accontenterà entrambe le parti, ho chiesto che si valuti tutte le ipotesi che però liberino la visuale della Colonna’.

Ancisi conclude segnalando come ai fatti sia seguita una corrispondenza tra l’assessore stesso e il leader di LpR, che si è conclusa il 29 ottobre con la seguente risposta all’interrogazione: “Siamo giunti alla decisione di eliminare il cartello in questione dall’incrocio via Cavour-via Cattaneo (Farmacia Ghigi). L'impianto sarà sdoppiato e saranno posizionati uno prima e uno dopo l'incrocio in questione. In sostituzione della segnaletica indicante i bagni, verranno utilizzati 1 o 2 pollicini che verranno posizionati nelle immediate vicinanze in maniera ben visibile”. “Gli ho subito risposto – chiude Ancisi –: ‘Collaborazione perfetta. Grazie’”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019