17 novembre 2019 - Ravenna, Cronaca

”La narrazione della violenza maschile contro le donne. Il linguaggio giuridico e il linguaggio giornalistico”

Il convegno

Narrazione della violenza contro le donne

Il 18 novembre 2019 alla Biblioteca Classense nella Sala Muratori alle ore 15, Udi Ravenna torna a proporre un convegno che approfondisce il tema della narrazione della violenza contro le donne nelle aule di Tribunale e sulla stampa.
Il convegno si intitola:”La narrazione della violenza maschile contro le donne. Il linguaggio giuridico e il linguaggio giornalistico”
Apre e coordina  i lavori Sonia Lama, avvocata Udi Ravenna e introduce Adrea Calice, sostituto procuratore della repubblica presso il tribunale di Tivoli, sul tema ‘violenza di genere: il linguaggio nella giustizia’.

Intervengono

  • Giulia Blasi scrittrice, autrice radiofonica, attiva sui social, in questi mesi in tour con la sua ultima pubblicazione ‘Manuale per ragazze rivoluzionarie’ sul tema ‘Siamo tutti sessisti. Il legame fra pregiudizio quotidiano e violenza estrema’.
  • Paola Rizzi giornalista del Direttivo di G.I.U.L.I.A - acronimo di: GIornaliste Unite LIbere Autonome - con “Se avesse voluto ucciderla l'avrebbe uccisa”: la narrazione della violenza di genere da Vespa al Manifesto di Venezia"
  • Alessandra Pigliaru, giornalista del Manifesto con ‘Il sessismo nella lingua italiana. Alma Sabatini e le altre’.

Il convegno é organizzato da Udi Ravenna, con la collaborazione del Comune di Ravenna - Assessorato Politiche e cultura di genere e Pubblica Istruzione e della Casa delle donne di Ravenna. L'iniziativa rientra nella Rassegna ‘Una società per relazioni. Strade alternative alla violenza’. L’evento é in corso di accreditamento presso il Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Ravenna.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.