18 novembre 2019 - Ravenna, Cronaca

Arrigo Sacchi nominato Socio d’Onore della Sezione ravennate dell’ANCRI

La cerimonia quest'oggi al Salone dei Mosaici

 “L’UEFA lo ha collocato tra i dieci allenatori più influenti nell’evoluzione calcistica, ‘The Times’ lo ha definito il miglior allenatore Italiano di sempre; per FourFourTwo, Il ‘suo’ Milan del 1989 è stata la miglior squadra di club di tutti i tempi; France Football invece lo definisce terzo miglior allenatore della storia”. Così, il Presidente dell’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana Sezione di Ravenna, Pasquale Iacovella, dinanzi ad una folta delegazione di Insigniti nonché soci, ha introdotto la cerimonia di consegna dell’Attestato di nomina a socio d’Onore della Sezione Ravennate dell’ANCRI, ad Arrigo Sacchi, già commissario tecnico della Nazionale Italiana di Calcio, nonché indimenticabile allenatore del Milan.

L’attestato d’onore è stato consegnato dallo stesso Iacovella, unitamente al vice presidente ANCRI di Ravenna Mario Baldassari; Sacchi ha poi ricevuto la tessera socio dalle mani del prefetto Enrico Caterino.

La cerimonia si è svolta nel “Salone dei Mosaici”, quest’oggi, alle 12.30, alla presenza del Maestro Riccardo Muti, di Cristina Mazzavillani Muti, Francesco Muti, Patrick Baldassari e dei Soci Gianfranco Bessi, Romano Brandolini, Stefano Falcinelli, Roberto Scozzoli, Daniele Perini, Giovanni Naccarato, Carlo Serafini (consigliere con delega alla comunicazione), Giorgio Sansone di Campobianco, Carmelina De Lorenzo, Alessandra Bagnara, Francesco Tudisco, Salvatore Giarrizzo, Giosuè Tumminello, Carmine Dacunto, Elio Bagnari. Per la stampa erano presenti Giampiero Corelli (Il Resto del Carlino) e Luca Pavarotti (Corriere Romagna).  

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.