19 novembre 2019 - Ravenna, Politica

Anche Ravenna adesso ha le sue ‘Sardine’

Questa mattina è nato il gruppo su Facebook: "Ravenna non si Lega”

“Sardine di Ravenna - Ravenna non si Lega”

Nella mattinata di oggi, 19 novembre 2019, è nata la pagina Facebook “Sardine di Ravenna” che, per il momento, a sei ore dalla sua nascita, conta più di 3400 membri, un numero che pare però destinato ad aumentare.

“Vogliamo dare il nostro contributo alle Sardine nate a Bologna perché non vogliamo finire LEGAti” si legge sulla pagina Facebook.

Le sardine

Si tratta di movimento nato a Bologna per iniziativa di quattro ragazzi,, Mattia Santori, Roberto Morotti, Giulia Trappoloni e Andrea Garreffa che hanno organizzato per la giornata del 14 novembre una manifestazione pacifica in piazza Maggiore che ha attirato ben 15mila persone (Santori ha affermato con piacere che se ne aspettavano circa la metà) per far sentire la propria voce nel giorno in cui il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, presentava a Bologna la candidatura di Lucia Borgonzoni alla presidenza della Regione, per le elezioni regionali del 26 gennaio 2020.

La manifestazione bolognese non è stata però l’unica: nella serata di ieri, sotto la pioggia, settemila persone con gli ombrelli aperti erano presenti in piazza Grande a Modena per il flash mob organizzato per contestare l'arrivo di Salvini nella città emiliana per una cena elettorale.

Come riporta il Resto del Carlino, sono previste altre manifestazioni a Rimini, Reggio, Sorrento e Firenze.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.