25 novembre 2019 - Ravenna

Oggi è Santa Caterina: la leggenda e una ricetta per i tradizionali biscotti ravennati

Le “Caterine”: come preparare bamboline e galletti

Santa Caterina fra leggende e tradizioni culinarie

Oggi è il giorno di Santa Caterina, una ricorrenza che in molti aspettano nel capoluogo bizantino, specialmente per i tradizionali dolcetti, le "Caterine" appunto, che riempono le vetrine di forni e pasticcerie attirando i sensi dei più golosi.

Sono in molti anche coloro che decidono, invece, di prepararle in casa, magari con l’aiuto dei più cari unendo così il gusto di un buon biscotto e il piacere di un momento di unione e condivisione fra inebrianti profumi.

In occasione di questa giornata riportiamo di seguito una delle leggende tramandate per il 25 novembre e una ricetta per realizzare le vostre “Caterine”.

Prima di proseguire ricordiamo però che l'importanza della giornata di oggi va ben oltre la ricorrenza di "Santa Caterina d'Alessandria" dal momento in cui l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999 ha istituito per il 25 novembre la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

Leggenda: una coppia molto innamorata

Il 25 novembre, una volta, era considerato l’inizio dell’inverno: si potevano accendere i primi fuochi, e anche nelle scuole e negli uffici pubblici si potevano accendere le stufe.

Legate alle Caterinette ci sono diverse leggende, eccone una.

La storia narra di una coppia molto innamorata, una sartina e un fornaio.

La famiglia della sartina però, era tremendamente contraria al loro amore, così impedì loro di incontrarsi.

Ma l’amore, da nulla può essere contrastato, così il fornaio per poter continuare a mostrare alla sua innamorata i sentimenti che provava per lei, decise di preparare un biscotto speciale, diverso da tutti gli altri.

Lo preparò a forma di bambolina, forse pensando alla sua amata, e fece recapitare a casa della sartina la famosa “Caterina”, così che lei potesse ricordarsi del suo amore.

Ricetta per le "Caterine": tradizionali biscotti ravennati 

Secondo la tradizione, il 25 novembre in città vengono preparati dei deliziosi biscotti a forma di galletto o bambolina: si tratta delle "Caterine", dolci formine che spiccano nelle vetrine di Ravenna per il contrasto che i coloratissimi zuccherini fanno con la glassa al cioccolato che avvolge il biscotto. 

Ingredienti:

  • 500 g di farina bianca
  • 100 g di burro fuso
  • 200 g di zucchero
  • 2 uova intere
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • scorza di limone grattugiata
  • perline colorate per decorare

Procedimento

Lavorare bene lo zucchero con le uova, aggiungere il burro fuso e la scorza grattugiata e mescolare.

In seguito unire la farina e il lievito setacciati e amalgamare il tutto fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Far riposare coperto in frigorifero circa 20 minuti.

Scaldare il forno a 180C° e intanto stendere l'impasto col matterello ad uno spessore di circa 1 cm.

Ricavare con le formine (o con un coltello a mano libera) le figure desiderate, porle su una teglia coperta con carta da forno e far cuocere fino a doratura (io ho lasciato circa 12 minuti).

Far raffreddare su una gratella.

Per la decorazione preparate la glassa al cioccolato e versate gli zuccherini colorati sul biscotto.

Valentina Orlandi 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.