5 dicembre 2019 - Ravenna, Cronaca, Politica

Sardine e Salvini a Ravenna fra centro e Darsena, atteso Mattia Santori

Alle 19

Sardine e Salvini a Ravenna fra centro e Darsena 

Un giorno molto atteso quello di oggi, 5 dicembre, che vedrà anche a Ravenna il famoso “scontro” pacifico fra le Sardine e il leader della Lega Matteo Salvini.

Entrambi gli appuntamenti sono alle 19: Matteo Salvini inaugurerà la nuova sede della Lega in via Gioacchino Rasponi, poi, secondo le prime informazioni, il segretario del Carroccio farà una passeggiata per le vie del centro. Poco distante, in Darsena, ci saranno invece le Sardine pronte a “muoversi in banco”.

Atteso anche Mattia Santori, uno dei quattro raagzzi di Bologna che hanno dato il via a questa pacifica manifestazione cotnro la politica dell'odio. 

“Manifestiamo per una politica che non incoraggi l’odio e la discriminazione”

Sulla pagina Sardine di Ravenna gli amministratori scrivono: “Si scende in strada a Ravenna, in Darsena, il luogo più significativo in Città per l'evento, perché oggetto negli ultimi anni di una meravigliosa riqualificazione urbana, una rinascita dal brutto al bello che anche le Sardine chiedono appassionatamente.

Manifestiamo per una politica che non incoraggi l'odio, che non sottoponga le persone a vile discriminazione sulla base della loro etnia, genere, orientamento sessuale e religione, che non si avvalga del sensazionalismo mediatico, che non sia corrotta, approssimativa e manipolatrice.

Manifestiamo per una politica che sia giusta, inclusiva, ricca in contenuti, dove il dialogo sia stimolante e i toni sempre rispettosi, dove il politico non si senta privilegiato per i benefici derivanti dalla sua carica, ma sia responsabile ed umilmente grato per l'onore di rappresentanza conferitogli democraticamente dalla popolazione.

Manifestiamo per una politica che investa senza riserve nella cultura, perché comprende che l'unica cosa che dà prospettiva ad una Nazione è l'educazione dei propri cittadini, e nel lavoro, perché dona dignità alle persone.

Scendiamo in strada a chiedere tutto questo per non cadere nell'antiquato fallimento umano ed istituzionale del sovranismo populista.

Ci vediamo domani alle 19.00 in Darsena. Al nostro fianco saranno presenti anche alcune delle Sardine fondatrici, tra cui Mattia Santori. La diretta Facebook verrà fatta attraverso la pagina nazionale 6000 sardine".

Mercato del pesce: questa sera in Darsena la cittadinanza troverà un tavolo in cui è possibile sia donare che ricevere sardine.

Le Sardine di Ravenna sono nate il 19 novembre 2019: nel giro di sei ore dalla sua nascita, la pagina Facebook contava già più di 3400 membri; adesso, a poco più di due settimane, ne vanta più di 12.200. 

Cambio data

Le Sardine avevano scelto come data per la manifestazione la giornata di ieri, 4 dicembre, estremamente simbolica in quanto in concomitanza con il giorno della Liberazione di Ravenna dai nazifascisti; ma dopo che Salvini ha annunciato il suo arrivo nella serata di oggi, hanno deciso di cambiare programma. 

Le Sardine

Si tratta di movimento nato a Bologna per iniziativa di quattro ragazzi,, Mattia Santori, Roberto Morotti, Giulia Trappoloni e Andrea Garreffa che hanno organizzato per la giornata del 14 novembre 2019 una manifestazione pacifica in piazza Maggiore che ha attirato ben 15mila persone (Santori ha affermato con piacere che se ne aspettavano circa la metà) per far sentire la propria voce nel giorno in cui il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, presentava a Bologna la candidatura di Lucia Borgonzoni alla presidenza della Regione, per le elezioni regionali del 26 gennaio 2020.

La manifestazione bolognese non è stata però l’unica: nei giorni successivi sono molte le piazze che sono state (e sono in questi giorni) riempite dalle Sardine per una manifestazione pacifica che si opponga alla politica che incita a odio e discriminazione. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.