12 dicembre 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro

La Fiom Cgil dice “no” all’ipotesi di contratto aziendale nello stabilimento di Ravenna della Marcegaglia

Nei prossimi giorni il referendum sul contratto

Fiom: “Sbagliato legare il premio di risultato a malattie e infortuni”

Il 31 dicembre del 2018 è scaduto il contratto aziendale per i lavoratori dello stabilimento di Ravenna di Marcegaglia. Il contratto interessa circa 800 lavoratori distribuiti in due distinte società: la Marcegaglia Ravenna, che rappresenta la realtà produttiva, e Marcegaglia Carbon Steel, che si occupa delle operazioni di carico e scarico delle materie in banchina. Le due società sono state costituite a fine del 2018 per volontà dell’azienda.

A circa un anno dalla scadenza del contratto l’azienda ha raggiunto un’ipotesi di accordo con Fim e Uilm per il rinnovo del contratto aziendale. Su questa ipotesi di accordo, che è stata formalizzata lo scorso 9 dicembre, i lavoratori saranno chiamati ad esprimersi in un referendum in programma nei prossimi giorni.

Si voterà il 12, 13, 14, 16 e 17 dicembre.

La Fiom si schiera contro questo accordo che ritiene peggiorativo rispetto il contratto di lavoro aziendale precedente. “Siamo contrari a questa piattaforma – commentano i segretari della Fiom Cgil dell’Emilia Romagna e di Ravenna, rispettivamente Samuele Lodi e Ivan Missiroli – innanzitutto perché riteniamo sbagliato che il peso maggiore del premio di risultato si sposti da un principio collettivo a uno individuale. Ciò creerà delle forti disparità di trattamento considerando che i lavoratori, che faranno più di dieci giorni di malattia nel corso dell’anno, non percepiranno i 625 euro che prima erano determinati esclusivamente in base alla produttività”.

Già in questi giorni la Fiom Cgil sta facendo dei volantinaggi per rivendicare le proprie ragioni e per chiedere ai lavoratori di bocciare l’ipotesi di accordo. Se infatti il documento verrà respinto, le parti potranno riaprire le trattative per giungere a un nuovo accordo.

“Nessuno vuole attaccare le sigle sindacali che hanno firmato questa ipotesi di accordo – ha specificato Samuele Lodi -, hanno fatto una scelta legittima che sosterranno e su cui si confronteranno nel momento in cui i lavoratori si esprimeranno nel referendum. La critica della Fiom è indirizzata in maniera molto forte e decisa all’azienda, perché legare il premio di risultato all’elemento della malattia, e in maniera così preponderante, è una decisione oltremodo grave. Altro aspetto, ancora più preoccupante, è il premio legato all’infortunio. Lo ritengo assolutamente sbagliato, soprattutto in Italia dove la sicurezza dei lavoratori è una vera emergenza. Sulla sicurezza vengono spese tante parole e iniziative, poi però devono seguire azioni coerenti e questo accordo non va nella direzione giusta”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.