14 dicembre 2019 - Ravenna, Eventi, Politica

Sala d’Attore piena per “conoscere il terrorismo per sconfiggerlo” con l’On. Alberto Pagani

Nonostante il brutto tempo grande successo per l'iniziativa su un tema di stretta attualità

Sala d’Attore piena nonostante il brutto tempo, ieri sera, venerdì 13 dicembre, per la conferenza dell’onorevole Alberto Pagani dal titolo “conoscere il terrorismo per sconfiggerlo”.

Isidoro MIìimmi, il Presidente dell’Associazione Carabinieri di Ravenna, nella sua introduzione ha affermato: "sono il coordinatore del gruppo di 65 volontari che nel centro cittadino, mercato e davanti ad alcune scuole svolgono servizi di OSSERVAZIONE, SEGNALAZIONE e PROSSIMITÀ al cittadino in Convenzione col Comune di Ravenna e in stretta sinergia con la Polizia Municipale e le altre forze di Polizia. I nostri servizi – circa 5 mila ore negli ultimi sei mesi – li svolgiamo con amore, passione e convinto sostegno al cittadino e per questo motivo riscuotiamo il gradimento delle autorità, dei commercianti e cittadini comuni, che si rivolgono a noi con fiducia per avere informazioni, esporci delle lamentele o per risolvere piccoli disguidi".

L’iniziativa è nata come MOMENTO FORMATIVO per fornire ai volontari dell'ANC elementi per capire chi abbiano di fronte, attraverso una generale CONOSCENZA degli Islam, che sono tanti quante sono le comunità, ognuna delle quali si rifà a una diversa scuola giuridica con interpretazioni più o meno rigide.

“A mio sommesso avviso - ha affermato Mimmi - il terrorismo jihadisti rimane una minaccia alla sicurezza e stabilità globale, ma di questo ci parlerà ampiamente il Prof. PAGANI”.

Dopo gli attentati dello scorso 29 novembre, rispettivamente a Londra, L’Aja e Parigi, l'ANC ha ritenuto che il terrorismo sia un fenomeno d’interesse generale e di conseguenza ha aperto la conferenza anche alla cittadinanza. Grazie al Vice Sindaco Fusignani l'associazione ha avuto la disponibilità della Sala D'Attorre e il patrocinio della Regione Emilia Romagna, rappresentata dal Consigliere Gianni BESSI.

Il Presidente Mimmi ha rivolto un grazie particolare al relatore Prof. Alberto PAGANI per la sua pronta disponibilità a tenere la conferenza, dichiarandosi subito disponibile, nonostante i suoi molteplici impegni. Il Prof, Pagani è anche socio dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

Dopo il breve saluto del Consigliere BESSI e del Vice Sindaco FUSIGNANI, l’onorevole PAGANI con l’ausilio di alcune slide ha parlato della nascita del califfato e ha percorso le varie tappe di affermazione del DAESH, di FOREIGN FIGHTER e vari attentati successi fuori dall’Italia, dando anche la sua interpretazione sul perché in Italia non succedono attentati, ha parlato di TERRORISTI IN LIBERTÀ, circa 800 jihadisti stranieri fuggiti dal campo di Ayn Issa, nella Siria settentrionale a circa 35 chilometri dal confine turco. Ha affermato che in Italia il fenomeno della radicalizzazione è marginale rispetto al livello di pericolosità di altri Paesi europei, come Francia, Regno Unito e Germania.

"Nel nostro Paese, infatti, non sono presenti quelle fasce di seconda e terza generazione che sono il grosso dei soggetti che hanno aderito al modello dello Stato Islamico decidendo anche di andare in Siria o di restare a combattere nei rispettivi paesi. L’Italia ha il vantaggio di avere una popolazione musulmana molto ridotta, per quanto in crescita, di prima generazione e solo in parte di seconda, che sta entrando adesso nella fase adolescenziale, quella di passaggio verso la fase adulta, la più critica perché è quella in cui si manifesta un modello di opposizione anche violento. L’adolescente è a un bivio: da un lato la rottura, anche violenta, con la società nella quale non ci si riconosce, e dall’altro l’integrazione e l’adeguamento al modello sociale”.

Ha infine parlato del rischio ‘emulazione’ negli attentati e dell’opportunità di fare di più in Italia per prevenire il fenomeno della radicalizzazione.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.