18 dicembre 2019 - Ravenna, Economia & Lavoro

Festività 2019, secondo il Centro Studi di Confesercenti si attende il tutto esaurito a Natale e Capodanno nei ristoranti

Dal questionario somministrato a 60 operatori emerge un cauto ottimismo

In controtendenza con le criticità del comparto non alimentare, sono discrete le attese per le festività 2019 nei pubblici esercizi del ravennate.

“Il Centro Studi della Confesercenti – spiega Danilo Marchiani, presidente della Fiepet Confesercenti Ravenna - ha somministrato un questionario a 60 operatori della provincia ed alla domanda su come si stanno preparando alle festività, il 55% ha risposto “bene”; il 42% “si potrebbe fare meglio” e solo il 3% ha risposto “male”. Rispetto allo scorso anno, il 13% degli intervistati ritiene che i consumi nei bar e ristoranti aumenteranno; per il 62% rimarranno invariati e per il 25% diminuiranno”.

“Nello specifico delle ricorrenze più significative – prosegue Danilo Marchiani – per il pranzo di Natale le prenotazioni sono già a ottimo punto e si prevede di poter raggiungere il tutto esaurito e anche per il cenone di Capodanno l'affluenza si prospetta fin da ora buona. Il piatto più gettonato saranno i cappelletti in brodo e più in generale le pietanze tradizionali. Per le bevande, il cenone e i pranzi natalizi saranno prevalentemente accompagnati da vini. Poca richiesta, invece, per pranzi e cene vegetariane, per lo champagne e per bevande superalcooliche”.

“Complessivamente – interviene la responsabile Fiepet-Confesercenti Ravenna, Chiara Venturi - la percezione è positiva. Nella gestione quotidiana delle attività viene segnalato l’aumento degli avventori ma con diminuzione della spesa media. Tale aspetto, in parte può essere correlato ad una diminuzione dei consumi ed in parte alle abitudini alimentari dei clienti, sempre meno orientati a pranzi con diverse portate”.

“Come già fatto in altre occasioni – conclude Chiara Venturi – i titolari di bar e ristoranti evidenziano la preoccupazione per tutto quanto ruota attorno all’economia border line o addirittura sommersa: agriturismi, circoli e home restaurant come alternativa “di comodo” alle regole e tributi che gravano sui pubblici esercizi. Si tratta di situazioni diventate numerose e soprattutto in diretta concorrenza con imprese dello stesso tipo, con un carico fiscale ben più elevato. Serve porre maggiore attenzione rispetto a quanto fatto fino ad ora”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.