10 gennaio 2020 - Ravenna, Economia & Lavoro

Dazi USA, Condiretti: “Minaccia devastante contro settore agroalimentare romagnolo e ravennate”

Grande preoccupazione da parte di Coldiretti per il settore agroalimentare a causa del rischio di dazi USA. “Dopo l’accordo sui dazi trovato dagli Stati Uniti con la Cina – spiega l’associazione in una nota – adesso va cercata la pace anche con la UE perché la ‘guerra commerciale’ contro Bruxelles dichiarata dal presidente Trump nell’ambito della disputa nel settore aereonautico che coinvolge l’americana Boeing e l’europea Airbus, rischia di trasformarsi in una durissima mazzata per i produttori di vino e olio Made in Italy”.

Il tempo stringe, dato che, come sottolinea Coldiretti, il 13 gennaio si concluderà la procedura di consultazione avviata dal Dipartimento del Commercio (USTR) americano che nella black list allargata dei prodotti europei sui quali Trump minaccia di estendere le tariffe e di aumentarle fino al 100%, ha inserito proprio il vino, il prodotto agroalimentare più esportato in Usa con un aumento del 5% in valore nel 2019 dopo il record di 1,5 miliardi raggiunto l’anno precedente.

“Il vino italiano – prosegue la nota –, che a differenza di quello francese era scampato alla prima black list redatta dagli Usa ad ottobre 2019, potrebbe perdere quote importantissime di mercato negli Stati Uniti, con drastiche ricadute anche per i produttori romagnoli e ravennati. Gli Usa, infatti, sono il principale consumatore mondiale di vino e l’Italia è il loro primo fornitore con gli americani che apprezzano in particolare Lambrusco, Chianti, Sangiovese, Albana e un autoctono di successo come il Burson”.

“L’imposizione di dazi favorirebbe la produzione di vino degli Stati Uniti che ha raggiunto quasi il 10% del totale mondiale per effetto – aggiunge la Coldiretti – di una crescita vorticosa delle coltivazioni che hanno consentito agli USA di diventare il quarto produttore di vino a livello globale dopo Italia, Francia e Spagna con una quantità di 24 milioni di ettolitri. Ma ad avvantaggiarsi sarebbe anche i concorrenti del Cile e dell’Australia particolarmente presenti sul mercato statunitense”.

A preoccupare sono anche le misure protezionistiche sulle esportazioni di olio di oliva che sono state pari a 436 milioni nel 2018 in Usa. “Una situazione che aggraverebbe il conto delle perdite già subite dall’Italia per effetto dei dazi al 25% scattati il 18 ottobre scorso contro una lista di beni europei che ha colpito molte delle più note specialità tricolori, dal Parmigiano Reggiano al Grana Padano, dall’Asiago al Gorgonzola fino alla Fontina ma anche salumi, agrumi, succhi e liquori per un valore di circa mezzo miliardo di esportazioni. Dalle prime analisi emerge infatti che l’entrata in vigore dei dazi ha azzerato la crescita delle esportazioni alimentari Made in Italy negli Stati Uniti che rimangono stagnanti (+0,6%) ad ottobre dopo che nei nove mesi precedenti erano aumentate in media del 14,1% sulla base delle elaborazioni Coldiretti di dati Istat relativi al commercio estero ad ottobre”.

“Ci sono le condizioni per avviare un dialogo costruttivo ed evitare l’acuirsi di uno scontro dagli scenari inediti e preoccupanti che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga anche sull’economia regionale e ravennate – afferma il Presidente di Coldiretti Ravenna Nicola Dalmonte – occorre il massimo impegno a livello nazionale ed internazionale per sventare quella che è a tutti gli effetti una minaccia devastante per il Made in Italy agroalimentare che ha nell’Emilia-Romagna una delle sue regioni produttive principe”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.