19 gennaio 2020 - Ravenna, Faenza, Lugo, Cronaca

 “Campagna ravennate sempre meno sicura”

Coldiretti ha chiesto incontro urgente al Prefetto

“Residenti nelle aree rurali in allarme, necessario potenziare attività di presidio e controllo”

Secondo Coldiretti, la preoccupante escalation di furti registrata negli ultimi mesi nelle aree rurali, da Faenza a Ravenna passando per la Bassa Romagna, ha generato un diffuso stato di allarme tra i residenti delle campagne, in particolare tra gli agricoltori che vedono le loro aziende agricole costantemente nel mirino di predoni di macchinari, attrezzature e prodotti agricoli. Queste imprese, infatti, per la loro attività, sono isolate e quindi maggiormente esposte a tali fenomeni criminosi.

L'ultimo episodio in ordine di tempo, avvenuto nel territorio del Comune di Russi con un danno di oltre 100mila euro in mezzi e strumenti agricoli – denuncia Coldiretti - “è sintomatico di una situazione ormai difficilmente tollerabile, una situazione che, oltre ad indebolire il settore, aumenta l’insicurezza nella vita e nel lavoro”.

Alla luce di ciò, Coldiretti ha chiesto un incontro urgente al Prefetto di Ravenna “per meglio illustrare lo stato delle cose e valutare la necessità di convocare il Tavolo per l'Ordine e la Sicurezza pubblica al fine di potenziare l'attività di presidio e controllo del territorio”.

“A nostro avviso, infatti – conclude il Presidente della Coldiretti provinciale Nicola Dalmonte - occorre garantire in tempi rapidi maggiore tutela a chi quotidianamente investe tempo, denaro e sudore per ‘fare impresa’ e assicurare così un futuro alla propria famiglia e alla nostra economia”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.