19 gennaio 2020 - Ravenna, Sport

Giovanni Poggiali e la realizzazione dei sogni fra viticultura e rugby

Gli è stato chiesto di candidarsi alla presidenza della Federazione Italiana Rugby

Poggiali e la passione per la viticultura

Giovanni Poggiali è un nome che spicca soprattutto nel mondo del vino e del rugby.

Nato il 18 dicembre 1971 a Firenze da genitori ravegnani, ha vissuto la sua infanzia ed adolescenza a Ravenna dove ha frequentato il liceo scientifico prima di andare a studiare Legge all’Università di Siena.

Presto però si rende conto che non è quella la sua strada, così, con grande coraggio, decide di lasciare gli studi per cimentarsi a tempo pieno nella viticoltura nella tenuta agricola di Felsina acquistata da suo nonno Domenico.

Con passione e dedizione è riuscito a creare un’azienda di successo che oggi vende 800mila bottiglie all’anno, più del 70% della produzione è commercializzata all’estero., in particolare nel Nord America.

Poggiali e l’impegno nel rugby romagnolo

La grande passione per il vino è sempre stata accompagnata anche da un altro amore (oltre a quello per la moglie Francesca e per i tre figli): quello per il rugby.

Uno sport che ha sempre avuto grande importanza per Poggiali il quale sognava di vedere il  rugby romagnolo all’altezza di quello delle altre regioni. E’ così che comincia dal Cesena rugby fino a fondare un progetto che integrasse i club romagnoli costituendo poi nel 2006 il Romagna Rugby Football Club.

La strada nel mondo del suo amato rugby potrebbe avere però un futuro ancora più luminoso: come riportato da IlSole24Ore, è stato chiesto a Poggiali di candidarsi alla presidenza della Federazione nazionale.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.