20 gennaio 2020 - Ravenna, Sport

Consar, nulla da fare contro una super Allianz Milano

Ci ha provato la Consar, cullando anche la possibilità di prendersi un set, ma contro questa Allianz, al momento formazione in grande spolvero scomoda per tutti, c’è stato poco da fare. Saitta e compagni sono rimasti in partita in tutti e tre i set, arrendendosi alle accelerazioni dei padroni di casa, dove ha fatto il bello e il cattivo tempo il solito Abdel-Aziz, arma illegale della SuperLega, che ha chiuso da Mvp con 23 punti (4 gli ace) e il 68% in attacco.

Per Milano è la sesta vittoria di fila, Ravenna si tiene nel gruppo delle pretendenti a un posto per i playoff, tenendo a distanza di sicurezza la zona retrocessione. E mercoledì sera a Modena, grande e meritata vetrina di Coppa Italia.

La partita

Rispetto all’ultima partita c’è un cambio per parte nello starting six: nella Consar c’è Cavuto al posto di Ter Horst; nell’Allianz Petric rileva Basic che aveva giocato a Civitanova. Cortesia (attacco ed ace) e Vernon-Evans (muro) portano subito la Consar sullo 0-3. Saitta e compagni, attenti e convinti, si mantengono in vantaggio fino al 9-11, quando Abel-Aziz e un muro di Kozamernik determinano la prima parità del set a quota 11. Con Vernon-Evans e un errore di Alletti, Ravenna allunga di nuovo a +2 (13-15) prima della nuova parità a quota 16 con Abdel-Aziz, subito in partita, che firma anche il primo vantaggio dei padroni di casa (17-16) e che poi col suo turno al servizio (condito da due ace) spinge Milano al +6 (23-17). E’ poi Petric a chiudere i conti sul 25-18.

Inizio di secondo set in salita per la Consar che va sotto 5-1 (sotto i colpi del solito Abdel-Aziz) e 7-2. Il time-out di Bonitta scuote la squadra, che piazza un break di quattro punti riaprendo i giochi. Vernon-Evans trova il mani fuori del pareggio a quota 9. Sull’asse Clevenot-Abdel Aziz Milano firma un nuovo allungo, che questa volta la Consar, che termina il set con cinque giocatori sotto i 21 anni, non riesce ad annullare.

La squadra di Bonitta non si arrende e nel terzo set spinge sull’acceleratore portandosi avanti di tre lunghezze (3-6), ma dall’altra parte della rete c’è un’Allianz per nulla disposta a cedere, che acciuffa la parità a quota 7 e poi con l’ace di Clevenot e un attacco di Abdel-Aziz vola a +3 (13-10). Milano continua con grande intensità, trovando punti anche a muro, e per la Consar arriva la resa.

Il commento di coach Bonitta

“Nel primo set stavamo facendo bene, stavamo giocando una buona pallavolo, con attenzione e anche con qualità. Poi Abdel-Aziz è uno che spacca i set contro tutti e l’ha fatto anche con noi e moralmente e psicologicamente siamo andati in affanno. Ma Milano è una squadra forte e non è un caso che in questo momento sia terza. Mi porto a casa i buoni spezzoni di due terzi del primo e del secondo set però dobbiamo essere più pazienti a capire che ci sono delle situazioni in cui dobbiamo provare a riprenderci e a reagire, e invece siamo andati in affanno”.

Il tabellino

Milano-Ravenna 3-0 (25-18, 25-20, 25-18)

ALLIANZ MILANO: Sbertoli 3, Abdel-Aziz 23, Gironi 1, Petric 7, Clevenot 9, Kozamernik 10, Pesaresi (lib.), Alletti 3, Ne: Hoffer (lib.), Basic, Izzo, Weber, Okolic. All.: Piazza.

CONSAR RAVENNA: Saitta 1, Vernon-Evans 7, Cortesia 5, Grozdanov 8, Cavuto 9, Lavia 6, Kovacic (lib), Stefani, Ter Horst, Recine, Batak. Ne: Bortolozzo, Marchini (lib.) Alonso. All.: Bonitta.

ARBITRI: Santi di Città di Castello e Sobrero di Carcare.

NOTE: Durata set: 28’, 28’, 23’ tot. 79’. Milano (6 bv, 15 bs, 10 muri, 5 errori, 59% attacco, 65% ricezione, di cui 37% perfette), Ravenna (4 bv, 14 bs, 6 muri, 10 errori, 39% attacco, 44% ricezione, di cui 24% perfette). Spettatori 2071. MVP: Abdel-Aziz.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.