27 gennaio 2020 - Ravenna, Sport

Olimpia Teodora, una bella prestazione non basta: sconfitta a Trento 3-1 e addio alla Coppa Italia

Non basta un’altra ottima prestazione alla Conad Olimpia Teodora, che nella semifinale di Coppa Italia Serie A2 cede per 3-1 alle padrone di casa di Trento. Come già successo nei due confronti in campionato, le ravennati lottano alla pari con la vincitrice del Girone B della Regular Season, ma la maggior potenza e la costante pressione al servizio (8 ace alla fine) delle avversarie esce alla distanza e porta la Delta Informatica in finale. MVP del match l’ex Conad Sofia D’Odorico.

La partita

Al fischio d’inizio Coach Simone Bendandi conferma il sestetto vincente a Soverato con capitan Bacchi, Strumilo, Guidi, Torcolacci, Manfredini, Morolli e Rocchi libero. L’avvio è però tutto dell’ex della partita D’Odorico, che con 2 ace porta le padrone di casa sul 4-0. L’allenatore ravennate spende il suo unico timeout a disposizione e la Conad impatta subito sul 4-4, poi, dal 7-4, ribalta il set con un parziale di 0-7 sul servizio di Manfredini, con 2 muri di capitan Bacchi a esaltare le ospiti fino al 7-11. Il grande lavoro a muro (saranno 8 nella sola prima frazione) consente a Ravenna di restare avanti 13-17, ma le padrone di casa rimontano fino al 19-19. Ancora un muro di Guidi vale il 19-21, ma Trento fa subito 21-21 e nel finale con lucidità riesce a sorpassare e chiudere per 25-23.

Il copione del secondo set sembra lo stesso, con la Delta che parte forte (5-2) e le romagnole subito brave a rimontare (5-6). L’equilibrio regna sovrano nella prima parte del set, poi una serie di grandi difese delle Leonesse permette alla squadra di Coach Bendandi di allungare sul 12-15 e poi 13-17. Un ace di Stumilo regala il +5 alle ospiti sul 15-20, Trento prova a rimontare fino al 18-20, ma nel finale la Conad mette il turbo e chiude al primo tentativo per 20-25 con il muro di Strumilo.

Ancora un ace di D’Odorico ad aprire il terzo parziale, con le padrone di casa che si portano subito 5-2 e questa volta non si lasciano più recuperare, volando fino al 14-6. Capitan Bacchi suona la carica con il muro del 14-9 e Ravenna torna sotto fino al 16-13, ma la Delta riesce a respingere il tentativo di rimonta e scappa definitivamente sul 23-15, chiudendo poi per 25-16.

Andamento simile anche nel quarto set, con il quarto ace di D’Odorico che vale il 2-0 e le padrone di casa che si portano subito 4-0. La Conad torna sotto sul 6-4, ma ancora il servizio, con 2 ace consecutivi di Piani, è l’arma in più della Delta, che vola via sull’11-6 e allunga ancora con il quinto ace di D’Odorico per il 15-7. Le ravennati non mollano mai e con un parziale di 0-4 provano a riaprire tutto sul 16-12, ma Trento non concede più nulla, si porta 24-17 e chiude set e match sul 25-19.

Il post-partita

“Usciamo a testa alta da questa partita – commenta Coach Simone Bendandi –, perché abbiamo avuto la capacità di non mollare e rimontare più volte, lavorando molto bene a muro e difesa nonostante la loro fisicità e le loro altezze. Abbiamo rispettato i nostri piani, ma purtroppo loro, anche e soprattutto dopo il nostro 1-1, sono state molto brave a tenere un enorme livello di pressione in battuta costringendoci a giocare di più con la palla staccata da rete, situazione in cui non sempre siamo riuscite a fare la scelta giusta”.

“Dispiace molto per il risultato, perché scoccia aver perso l’opportunità di andare a giocarsi una finale, ma da un lato sono contento perchè a tratti ho visto la mia squadra giocare davvero una bella pallavolo. Abbiamo commesso qualche sbavatura sotto pressione e nei momenti più caldi della partita, ma bisogna anche riconoscere i meriti delle avversarie. Forse in qualche situazione avremmo potuto avere un po’ più di coraggio in battuta e di spregiudicatezza, ma ho visto comunque molte belle giocate e sono soddisfatto del rendimento”.

Il tabellino

Delta Informatica Trentino – Conad Olimpia Teodora Ravenna 3-1 (25-23, 20-25, 25-16, 25-19)

Trento: Piani 20, Cosi, Moro (L), Fondriest 7, D’Odorico 20, Barbolini, Furlan 11, Melli 16, Giometti, Berasi 1. N.e.: Moncada, Vianello (L). All.: Matteo Bertini. Ass.: Serena Avi.

Muri 11, ace 8, battute sbagliate 11, errori ricez. 1, ricez. pos 55%, ricez. perf 13%, errori attacco 12, attacco 40%.

Ravenna: Bacchi 15, Poggi, Piva, Strumilo 9, Guidi 11, Torcolacci 10, Calisesi, Manfredini 12, Rocchi (L), Morolli. N.e.: Altini, Canton, Parini. All.: Simone Bendandi. Ass.: Dominico Speck.

Muri 16, ace 1, battute sbagliate 8, errori ricez. 8, ricez. pos 39%, ricez. perf 12%, errori attacco 10, attacco 33%.

Arbitri: Luca Cecconato e Serena Salvati

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.