29 gennaio 2020 - Ravenna, Cervia, Faenza, Lugo, Economia & Lavoro

Niente più detrazioni se si paga in contanti: i casi e e le novità

Dal 1°gennaio 2020

Legge di Bilancio. Quali cambiamenti per le spese detraibili dall’Irpef al 19%?

Dal 1° gennaio 2020, per avere diritto alle detrazioni è necessario effettuare il pagamento con carte di credito, bancomat, carte prepagate, assegno bancario o postale, insomma, metodi di pagamento tracciabili.

Come riportato dall’Unione Nazionale Consumatori, ai commi 679 e 680 della legge 160/2019 sono consultabili i cambiamenti che riguarderanno i cittadini al momento della presentazione del prossimo 730.

Quali metodi di pagamento utilizzare per ottenere le detrazioni Irpef al 19%:

  • Spese mediche o terapie: il contante, come riporta nell’articolo Lorenzo Cargnelutti, potrà essere ancora utilizzato per medicinali, dispositivi medici, prestazioni sanitarie nelle strutture convenzionate. Nel privato invece, dovranno essere utilizzati metodi di pagamento tracciabili;
  • Sussidi didattici ed informatici: per coloro i quali soffrono di disturbo dell’apprendimento, non potranno essere più pagati con contanti i supporti didattici come computer o altri strumenti di ausilio;
  • Case per studenti fuori sede: gli affitti dovranno essere saldati solo con bonifico o assegno;
  • Asilo nido, gite, attività sportive dei ragazzi: il pagamento delle spese per la mensa, le gite e tutte le attività extra curricolari organizzate dalla scuola non dovrà essere effettuato con contanti se si desidera l’ottenimento delle detrazioni;
  • Assicurazioni: dovranno essere pagate con metodi tracciabili;
  • Badanti: non basterà più la ricevuta, i metodi tracciabili saranno gli unici accettati per le detrazioni;
  • Veterinari: detrazioni solo in caso di uso di metodi di pagamento tracciabili.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.