2 febbraio 2020 - Ravenna, Marina di Ravenna, Politica

Ancisi (LpR): “Urgenti i lavori di ripristino al complesso Fabbrica Vecchia e Marchesato”

Il capogruppo di Lista per Ravenna in Consiglio comunale, Alvaro Ancisi, presenta un’interrogazione al Sindaco a proposito dei dissesti nel complesso Fabbrica Vecchia e Marchesato sulla sponda destra del canale Candiano.

“Il Comune di Ravenna  - racconta Ancisi – ha acquistato da un po’ d’anni la parte che gli mancava dell’intero complesso dei due edifici storici situati sulla sponda destra del canale Candiano, presso l’imboccatura della pialassa Piomboni. Costruiti tra il 1762 e il 1781, il primo come Casone della Sanità, il secondo come magazzino e rivendita di prodotti alimentari di prima necessità, essi testimoniano il più antico insediamento dell’attuale moderno porto di Ravenna ed insieme la propria originaria destinazione ‘di pubblica utilità a servizio del Porto’ volta a ‘favorire e promuovere la conoscenza, la diffusione e lo sviluppo della cultura d’acqua e marinara’. Oggi sono però a pezzi, recintati perché a rischio di crollare, circondati da pantano e degrado”.

I precedenti allarmi

“Il 19 gennaio 2017 – ricorda il capogruppo di LpR –, rivolgendo un’interrogazione al sindaco, riportavo parte dell’appello lanciato da Giancarlo Bazzoni, presidente del Comitato sorto a Marina di Ravenna nel 1979 per tutelare questo complesso monumentale: ‘Il disinteresse e l’abbandono dell’Amministrazione comunale e l’indifferenza ai tanti allarmi e sollecitazioni per il rischio di crollo del tetto, caduti nel vuoto, hanno portato al temuto cedimento... l’Amministrazione comunale ponga freno e rimedio a un danno in rapido sviluppo, poiché l’infiltrazione della pioggia comprometterà ben presto anche i solai sottostanti’. A maggio dello stesso anno, il Comitato, scrivendo a Soprintendenza, Comune ed Autorità portuale, aveva poi denunciato come l’edificio fosse diventato ‘luogo di bivacco e grave pericolo per l’incolumità dei giovani che lo frequentano’”.

La richiesta

“Nel luglio successivo – prosegue Ancisi –, il sindaco De Pascale spiegò che il recupero degli edifici, spettante all’Autorità portuale in base ad un accordo sottoscritto tra i due enti molti anni prima, ma rimasto lettera morta, era un obiettivo del suo mandato, che scade nel giugno 2021. Stava lavorando per ripristinare i due immobili, da destinare poi ad attività portuali ed economiche. Il 28 gennaio scorso, il Comitato mi ha scritto che nei primi mesi del 2019 il Comune ha deliberato la spesa di 50 mila euro per la redazione dell’atto di trasferimento della proprietà di questi edifici storici all’Autorità Portuale; che a giugno sono stati interpellati gli enti eventualmente interessati all’acquisto; e che l’iter si è concluso a settembre grazie alla procedura del silenzio-assenso. Da allora il Comitato attende che il Comune solleciti l’Autorità Portuale a procedere, presso un notaio, al trasferimento della proprietà, in modo da consentirle di avviare il recupero del complesso con l’urgenza imposta dalle sue condizioni di dissesto”.

“Chiedo al sindaco – conclude l’interrogazione – se intende attivarsi a tal fine con impegno, onde recuperare il tempo perduto”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.