4 febbraio 2020 - Ravenna, Cultura, Eventi

Formazione ed educazione per “Cittadinanza digitale: adolescenti, famiglie e scuole”

La crescita rapida delle tecnologie digitali porta con sé una nuova dimensione etica e sociale – la Cittadinanza digitale - che aggiorna e integra ulteriormente i contenuti dell'Educazione civica, coinvolgendo la scuola e innovandone il ruolo chiave nella formazione di futuri cittadini e cittadine in grado di partecipare attivamente alla vita democratica della comunità

Su questo tema l’assessorato alla Pubblica istruzione e Infanzia, sollecitato anche da dirigenti, pedagogiste e insegnanti, ha promosso all’interno delle azioni del POF del Territorio, un’azione culturale, informativa e di sensibilizzazione in raccordo con le scuole a partire dai nidi d’infanzia alle secondarie di primo grado, per sostenere alunni e alunne, studenti e studentesse, ma anche famiglie e insegnanti, per un uso consapevole delle Rete, nel rispetto della libertà del singolo, della legalità e dei propri e altrui diritti e realizzare così una cittadinanza digitale consapevole. Il progetto complessivo dell’assessorato è articolato in più azioni e progetti:

  1. #Sensibilizzare: "Crescere (con i) digitali: perché i tuoi studenti e figli non sono zombetti della rete” rivolto agli Istituti comprensivi statali e paritari e totalmente gratuito verrà realizzato da Arci Ravenna APS in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Comunicazione, Studi Umanistici e Internazionali dell’Università di Urbino. Più di 1000 studenti e studentesse di 45 classi delle scuole secondarie di primo grado del territorio comunale che hanno aderito, saranno coinvolti in laboratori condotti da Giovanni Boccia Artieri e da Elisabetta Zurovac, docenti di New media e Internet studies. Boccia Artieri incontrerà anche le famiglie, creando momenti dialogati, dove fornire conoscenze, esplicitare paure, dubbi sul possesso e l’uso delle tecnologie digitali, vedere quale approccio può essere più utile per entrare in comunicazione con figli e figlie adolescenti e trovare terreni di negoziazione.
    Un’attenzione particolare anche ai genitori di piccoli e piccolissimi della scuola primaria e infanzia per sensibilizzare e informare sul possibile impatto negativo che può avere sull’attività emotiva e cerebrale, un uso precoce, eccessivo e non accompagnato dall’adulto di tablet o smartphone da parte dei minori, così come emerge dalle ultime ricerche sulla materia.
  2. #Regolamentare: “Cittadinanza digitale e Comunità educante” svolto in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Bologna – Campus di Ravenna che ha come referente la docente Monica Palmirani e i suoi collaboratori si prefigge il radicamento di una nuova forma di cittadinanza, quella digitale e l’utilizzo, attivo e virtuoso, delle tecnologie nel contesto scolastico. La realizzazione del progetto che vede coinvolti pedagogiste, professori e ricercatori universitari, docenti, studenti studentesse e genitori in particolare di due istituti comprensivi, Damiano e San Pietro in Vincoli, e costituirà un ambito di ricerca e innovazione. Gli grazie interventi formativi saranno portati avanti su temi strategici:
  • Identità personale, identità digitale e protezione dei dati personali nell’ambito delle attività che riguardano la scuola;
  • La società dei dati e la cittadinanza digitale;
  • La Carta dei diritti in Internet;
  • Protezione dell’immagine e diritto d’autore in rete nell’ambito delle attività che coinvolgono la scuola;
  • La legge sul cyber-bullismo, il revenge porn, il Codice rosso e le condotte illecite online;
  • False verità (fake news) e la ricerca dell’informazione affidabile in rete;
  • Le responsabilità degli insegnanti e delle strutture scolastiche.
  • A cui seguiranno laboratori partecipati finalizzati alla stesura di una bozza di regolamento scolastico per l’uso critico delle tecnologie e la cittadinanza digitale, che potrà fungere da base ragionata per i regolamenti che ogni istituto comprensivo in autonomia potrà approvare
  1. #Comunicare: “Gruppi Whatsapp dei genitori”, nati in modo spontaneo, sono uno strumento utile e importante di comunicazione e relazione non privo di criticità, che possono però essere superate o mitigate. Nell’ambito del programma dell’Agenda digitale locale il Comune -  assessorati alla Smart city e alla Pubblica istruzione e Infanzia – insieme alla cooperativa sociale Villaggio Globale, già a partire dal 2017 hanno scelto di collaborare con i genitori e gli insegnanti delle scuole dell’infanzia che utilizzano questi strumenti, per stabilire insieme i suggerimenti utili a un migliore utilizzo. Il progetto è stato esteso anche ai nidi comunali e, da quest’anno, sperimentalmente a due scuole primarie, Randi e San Pietro in Vincoli. Il progetto prevede la formazione di moderatori delle chat di sezione e la stesura di vademecum d’uso per sostenere la comunicazione e la collaborazione scuola-famiglia e fra famiglie.

I docenti del progetto

  • Giovanni Boccia Artieri, professore ordinario di Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi – Università degli studi di Urbino Carlo Bo.
  • Elisabetta Zurovac, ricercatrice del Dipartimento di Scienze della Comunicazione Studi umanistici e internazionali - Università degli Studi di Urbino
  • Monica Palmirani, professoressa ordinaria del Dipartimento di Scienze giuridiche, coordinatrice del corso di Dottorato in Law, science and technology, Università di Bologna.
Tag: digitale

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.