14 febbraio 2020 - Ravenna, Economia & Lavoro

Italia Viva Ravenna preoccupata per il settore Off-Shore: “Prolungato il blocca-trivelle”

Dopo l’allarme dei lavoratori e degli imprenditori del comparto, rilanciato anche dall’Assessore Roberto Fagnani, Italia Viva torna all’attacco sul tema del cosiddetto “Blocca-trivelle”. In una nota il gruppo ravennate denuncia come ieri, giovedì 13 febbraio, in commissione Affari costituzionali insieme al Bilancio si sia assistito “ad una pagina buia per la nostra città e per una delle sue eccellenze: il comparto off-shore”.

Prosegue Italia Viva: “Approvato l’emendamento per lo slittamento della moratoria ad Agosto 2021 e a Febbraio 2021 del Pitesai, la mappa che il Mise deve mettere a punto per indicare dove si potrà continuare ad esplorare ed estrarre idrocarburi. In un settore in cui il tasso di impiego risulta sempre più in crisi si pongono i presupposti per mettere in discussione anche la permanenza del gruppo Eni nella nostra città e il possibile ricollocamento dei lavoratori altrove. Le ricadute sull’indotto (trasporti, aziende collegate, attività commerciali) è già sotto gli occhi di tutti e il nuovo rinvio non può che peggiorare la situazione”.

“Ci appelliamo al Sindaco De Pascale - conclude il gruppo - e al neo eletto Presidente Bonaccini, perchè sciolgano le ambiguità del PD su questa materia e si facciano promotori a livello nazionale di un intervento che garantisca il futuro energetico di questo paese e preservi un comparto d’eccellenza della nostra città. A parole sono tutti pro ma Lega e PD in pochi anni, in barba ad un referendum che si era espresso in senso opposto, si sono piegati alle logiche del M5S, sempre più isolato nel paese reale ma a quanto pare ancora decisivo nelle aule del palazzo”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.