19 febbraio 2020 - Ravenna, Cronaca

"Medicina e porto, la Ravenna universitaria cresce"

L'intervento di Chiara Francesconi, capogruppo Pri, e Giannantonio Mingozzi, presidente Tcr

"L'approvazione definitiva del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia con sede a Ravenna e Forlì e la preparazione per il prossimo settembre di aule e laboratori per 75 universitari nel nostro ospedale è un'ulteriore conferma della crescita universitaria di Ravenna e dei risvolti economici e produttivi legati all'insediamento di nuovi studi superiori"; lo affermano Chiara Francesconi capogruppo del PRI in Municipio e Giannantonio Mingozzi, presidente TCR e per due mandati consigliere d'amministrazione dell'Ateneo. "Non dimentichiamo l'ottimo lavoro che si sta sviluppando anche nei dipartimenti di ingegneria e giurisprudenza per dotare le attività portuali di un nuovo corso di logistica ed economia portuale nonchè l'ulteriore crescita degli studi giuridici rivolti alle imprese dell'ambito portuale, ricordano Francesconi e Mingozzi; se poi consideriamo anche la triennale di Off-Shore, cioè di un comparto fondamentale per Ravenna che il  governo del Paese dovrebbe salvaguardare e difendere, siamo di fronte ad opportunità di studio di dimensione europea con capacità di attrazione verso tutto il mondo della scienza medica e delle nuove tecnologie di imbarco e sbarco e di produzione energetica. Una scelta coraggiosa, quella del CDA d'Ateneo, pienamente sostenuta dal Comune, Flaminia e Fondazione Cassa, e che ora necessita del massimo di compattezza e di collaborazione tra imprese, Istituzioni ed Università perchè stiamo costruendo quella Ravenna delle nuove generazioni - concludono Francesconi e Mingozzi - capace di imprimere sin da ora nuovi stimoli, più competitività e occasioni di lavoro a tutta l'economia ravennate".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.