2 marzo 2020 - Ravenna, Politica

Coronavirus, La Pigna invita l'amministrazione a concedere sgravi alle imprese

Va all’attacco del Sindaco Michele De Pascale la capogruppo de La Pigna, Veronica Verlicchi, che in una nota invita l’amministrazione a concedere al più presto gli sgravi alle imprese. “De Pascale si è confermato ancora una volta come il Sindaco del dolce far niente – tuona Verlicchi –. O meglio qualcosa la fa: scarica il barile sempre e solo addosso agli altri. In questo caso addosso alla Regione e allo Stato, dimenticandosi nuovamente che come Sindaco ha pieni poteri per intervenire sulle questioni di competenza dominale”.

“È il caso di questi giorni – scrive la capogruppo de La Pigna –, in cui de Pascale non sta dando alcuna risposta, o se vogliamo rassicurazione a tutti quelle imprese ed attività che stanno subendo enormi danni economico a causa della psicosi da Covid-19. L’allergia del nostro Sindaco nei confronti delle questioni economiche riguardanti il nostro territorio è nota da tempo. Tuttavia, in un momento di tale difficoltà per tutto il sistema turistico ed economico della nostra città, ci si aspetterebbe da lui uno sforzo e invece nulla”.

La Pigna rivendica di incontrare da giorni gli imprenditori ravennati della ricettività, della ristorazione, del commercio, delle attività culturali e ricreative: “Tutti ci manifestano grandi preoccupazioni nonché il timore di essere costretti addirittura alla chiusura ed al licenziamento del personale”, spiega Verlicchi, che lancia quindi una serie di richieste al Sindaco:

la sospensione dell’incasso dell’imposta di soggiorno del trimestre aprile-giugno 2020, (misura eventualmente estendibile anche per i trimestri successivi nel caso l’emergenza economica di aggravi);

la sospensione, fino al 31 dicembre 2020, del pagamento delle altre imposte comunali tra le quali Tari, tassa affissioni e pubblicità e Tosap;

la sensibilizzazione del Presidente dell”ABI, Antonio Pattuelli, affinché le banche concedano la moratoria sugli interessi applicato a mutui e ai prestiti  e la successiva convocazione di un tavolo con gli istituti bancari e la Camera di Commercio per concordare la agevolazione  e lo slittamento delle relative scadenze;

“De Pascale su tutto questo è già fortemente in ritardo – conclude La Pigna –. Deve muoversi in fretta se vuole evitare che il nostro tessuto economico ne esca disastrato”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.