25 marzo 2020 - Ravenna, Economia & Lavoro

Imposta sulla pubblicità e occupazione di suolo pubblico: si potrà pagare fino a novembre

Non si procederà a rimborso di quanto già versato

La giunta comunale di Ravenna ha deliberato di differire il termine ordinario di pagamento per l’anno 2020 dell’imposta comunale sulla pubblicità e della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche al 30 novembre 2020, fermo restando che non si procederà a rimborso di quanto già versato.

Si ricorda che nella seduta precedente la giunta aveva approvato altre due delibere per il sostegno a imprese e famiglie del comune di Ravenna, in attesa di poter disporre di strumenti normativi che consentano di intervenire in maniera più ampia anche in altri ambiti della fiscalità locale.

Le due delibere precedenti hanno riguardato, per chi ha in corso con Ravenna Entrate Spa piani di rateizzazione mensile di entrate tributarie e non tributarie, la possibilità di posticipare i termini ordinari di versamento delle rate; e hanno riguardato i servizi educativi e scolastici.

“La nostra attenzione e il nostro impegno – dichiara il sindaco Michele de Pascale - per dare una risposta alle diverse situazioni di difficoltà che sta vivendo la nostra comunità sono e saranno sempre massimi. Restiamo in attesa di alcuni passaggi formali che riguardano lo Stato che ci consentano di procedere con altre agevolazioni fiscali.

Nel frattempo anche la Regione sta pianificando e realizzando interventi di sostegno e il governo ha varato il decreto Cura Italia che ha stanziato risorse per 25 miliardi”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.