8 settembre 2010 - Ravenna, Sanità

Il centro iperbarico va in rete

Presentato questa mattina il blog con curiosità e informazioni

"E' il primo blog di una struttura sanitaria privata italiana interattivo e aperto a chi vuole raccontare, condividere le proprie storie, chiedere un consiglio, partecipare alle discussioni, entrare in contatto diretto con il direttore sanitario Pasquale longobardi". Questa mattina è stato presentato il nuovo sito dedicato al centro ipebarico di Ravenna.

Entusiasti Piergiorgio Marotti, consigliere d’amministrazione del Centro Iperbarico; Emanuela Giangrandi, Assessore per la sanità della Provincia; Agostina Aimola, Ausl di Ravenna
Pericle Stoppa, Assessore comunale ai Servizi Sociali; Pasquale Longobardi, Direttore Sanitario Centro Iperbarico e Lidia Marongiu, caporedattrice del Blog: "In soli due mesi dalla pubblicazione ha incassato l’attenzione di 2100 lettori per oltre 3600 visite ottenute con la pubblicazione di 58 post, che hanno riguardato 30 argomenti diversi, 21 quesiti sottoposti direttamente al direttore sanitario dr. Pasquale Longobardi e 12 storie-casi di pazienti scritte e raccontate dai pazienti, dai loro parenti o dai medici e infermieri".

Un livello di partecipazione e coinvolgimento che fanno pensare che anche il mondo della comunicazione sanitaria stia profondamente cambiando e la tecnologia e il modello di comunicazione del web 2.0 in questo sta giocando un ruolo fondamentale. Basti pensare che oltre 15 milioni di italiani consultano la rete per avere informazioni su disturbi e malattie (fonte Censis, 2009), e nel mondo sono sempre più diffusi siti, social network e portali di sanità partecipata.

"L’idea del progetto di comunicazione incentrata sull’uso del blog è partita dalla volontà di favorire la massima conoscenza e comprensione dei vantaggi e dei campi di applicazione della terapia iperbarica e quindi allargare il bacino degli utenti-pazienti interessati alle cure OTI. La tecnica utilizzata è quella dello Storytelling, cioè dare la possibilità ai pazienti stessi di raccontare la loro storie secondo un modello già consolidato nel Sistema Sanitario Nazionale inglese e ancora agli albori in Italia. Nel nostro paese al momento si registra solo l’esemplare caso di Pazienti.org, portale promosso da un’associazione no profit, in cui vengono raccolti racconti di buona o malasanità per aiutare i pazienti a scegliere dove curarsi e orientare le strutture sanitarie a migliorare il proprio servizio".

Il Centro, che negli ultimi tre anni ha preso in carico oltre 3600 pazienti, da 20 anni ospita all’interno della struttura il Centro di Cura Ferite Difficili dell’Ausl di Ravenna. Sono 18 le patologie per le cui può essere richiesta una cura con ossigenoterapia, ad esempio: ferite che non si richiudono (ulcere di diverso tipo), piede diabetico, retinopatie, infiammazioni alle gengive (paradontosi) e sordità improvvise.

Il blog

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.