13 maggio 2020 - Ravenna, Economia & Lavoro, Politica

La Pigna chiede “mille euro a fondo perduto per i ravennati in difficoltà”

Si rivolge al Sindaco di Ravenna Michele de Pascale la lista civica La Pigna, che richiede lo stanziamento di “mille euro a fondo perduto per i ravennati in difficoltà”.

“La drammatica crisi economica che si è abbattuta con grande violenza su imprese e cittadini – spiega in una nota la lista –, ha fatto precipitare molti ravennati in una situazione di grande difficoltà a far fronte alle proprie spese, quali mutui, bollette, affitti, ecc. Le risorse che il Comune di Ravenna aveva già stanziato a bilancio per l'assistenza economica ai più indigenti, appaiono, oggi totalmente insufficienti”.

“Chiediamo, pertanto, che il Sindaco Michele de Pascale intervenga aumentando fino a 2 Milioni la dotazione dei fondi per il sostengo ai ravennati in difficoltà. Una cifra che può essere facilmente reperita dal Bilancio comunale 2020, se solo si volesse andare a tagliare quelle spese che il Comune di Ravenna continua a sostenere e che di fronte alla situazione attuale, appaiano ancor meno necessarie.

Reperite le risorse, sarà necessario indire un bando per l'assegnazione del contributo comunale a fondo perduto quantificabile in 1.000 euro ed utilizzabile per il pagamento di affitti, bollette, mutui ecc. Riteniamo, altresì, che vada data priorità a coloro i quali non sono già beneficiari di altre forme di sostegno pubblico, quali ccassa integrazione, assegni sociali, reddito di cittadinanza.

Nessuno deve essere lasciato solo e il contributo di solidarietà di 1.000 euro darebbe respiro a tantissimi ravennati”.

Tag: La Pigna

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.