18 settembre 2010 - Ravenna, Politica

“All’opposizione rispetto a tutti”

Ravenna Punto a Capo: la lista civica si presenta e “chiama” i cittadini. Mentre lancia un messaggio al movimento di Grillo...

Era nell’aria da tempo, poi l’annuncio ufficiale: Ravenna Punto a Capo parteciperà con una propria lista alle amministrative del 2011. Nata come meetup di Grillo, l’associazione da alcuni mesi lavora autonomamente, su tematiche legate ad esempio alla difesa dell’ambiente e alla legalità, raccogliendo in incontri sul territorio le istanze dei cittadini. Samantha Comizzoli ne è la presidente e la "voce".

Come si dice, ora il dado è tratto. Le vostre prossime mosse?

“Crediamo nella democrazia diretta. Quindi continueremo il percorso di ascolto ‘La parola ai cittadini’, sia in città che nel forese: il programma sarà costruito in questo modo. E per i prossimi mesi abbiamo in programma 2-3 grandi battaglie…”.

Per quanto riguarda il candidato a sindaco si fa insistentemente il suo nome.

“E’ vero, ma niente è stato ancora deciso. Posso dire che  la candidatura nascerà comunque all’interno del nostro gruppo. Non vediamo all’esterno, a Ravenna, persone da coinvolgere; e al momento non riteniamo possibile, viste le nostre caratteristiche, svolgere le primarie. Va detto che per noi il tema del candidato sindaco viene per ultimo, ci interessa prima costruire un programma valido. Poi se vuole il nome di una persona che io riterrei ‘giusta’ le dico Milena Gabanelli…”.

Parliamo di possibili alleanze…

Partiamo da un dato: siamo all’opposizione, rispetto a tutti. Sicuramente rispetto a Pd e Pdl, che a Ravenna sono la stessa cosa. Vista la nostra storia guardiamo ovviamente con interesse al movimento di Beppe Grillo. Il rapporto è finito, comunque per quanto ci riguarda la porta è aperta. Riteniamo che un accordo sarebbe un bel risultato per la città. Contatti con la lista civica ‘storica’? Ancisi ha partecipato, come ascoltatore, ad una nostra riunione. Il discorso finisce qui. Dopo tutto stiamo parlando dell’Udc, e si ci andasse bene ciò che c’è già non avremmo deciso di fare una nostra lista”.

Il vostro programma fa leva sul ruolo del cittadino. Ma ci sono questioni più “concrete”?

“Riteniamo molto grave il buco del Consorzio per i servizi sociali, un tema che tocca direttamente la vita dei più bisognosi. Così come la vicenda Galletti Abbiosi: se si facesse luce si potrebbe riscrivere la storia della città. Questioni concrete? Guardi che quando noi parliamo di lotta alla mafia - come abbiamo fatto nel documento con le 'fondamenta' del nostro programma - ci riferiamo proprio alla vita di tutti i giorni, alla difficoltà per i cittadini di avere possibilità di parola, a un certo modo di intendere la partecipazione. Insomma, non c’è bisogno di Travaglio e di Grillo per rendersi conto di cosa c’è che non va: si tratta allora di riappropriarsi della politica. Cercheremo di essere i portavoce, naturalmente neanche noi abbiamo la bacchetta magica”.

Nel 2006 ci fu l’esperienza della lista civica “Mariola”, accolta molto freddamente dagli elettori. Vi spaventa la prospettiva?

"Beh, 'spaventare' è una parola grossa... Mi risulta che alla fine loro si presentarono al voto disuniti. In ogni caso non ci stiamo pensando: nel senso che, comunque vada, noi continueremo a fare quello che stiamo facendo".

Appunto. Non c’è per voi il rischio di perdere la spinta entrando nelle “stanze del potere”?

"In Italia funziona ancora la democrazia rappresentativa, non si è avuto un cambiamento culturale in questo senso: e l’attivismo di molte persone si esprime attraverso il voto. Chiederemo questo. E poi riteniamo utile avere qualcuno in Consiglio comunale, anche per avere accesso alle documentazioni”.

ma.mont. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017