11 gennaio 2017 - Russi, Sport

Maratona del Lamone, già 250 iscritti per l'edizione 2017

L'appuntamento è fissato per domenica 9 aprile

Non è solo la sua età - 41 anni ne fanno la più antica maratona del territorio regionale e la seconda più vecchia dopo quella del Mugello - o la sua costante presenza da diversi anni a questa parte nelle prime 20 posizioni della classifica delle Maratone italiane con più atleti arrivati al traguardo (con un significativo +31 dal 2015 al 2016 e un +68 dal 2012 ad oggi), a costituire un elemento distintivo della Maratona del Lamone.

Da molto tempo, lo è anche il quadro in ceramica, realizzato dal maestro Adriano Fava, ispirato ad elementi paesaggistici o artistici del territorio in cui si snoda la corsa del GS Lamone, che negli anni è diventato premio ambito per tutti gli atleti iscritti alla Maratona. E sarà così anche per l’edizione 2017 che si correrà domenica 9 aprile, e per la quale sono già arrivate alla segreteria del GS Lamone oltre 250 iscrizioni.

“Non ricordo esattamente come nacque il contatto con il GS Lamone – spiega Adriano Fava, 76enne russiano, diplomato maestro d’arte all’Istituto d’Arte Ceramica di Faenza e allievo del grande ceramista faentino Angelo Biancini – ma i loro dirigenti mi chiesero se potevo realizzare un soggetto per un quadro che il Gruppo Sportivo voleva regalare ai partecipanti alla Maratona del Lamone. Sentii di cosa avevano bisogno e poi mi affidati al mio istinto e alla mia creatività”. Unica condizione: il quadro doveva rappresentare l’anima dei territori attraversati dalla Maratona. “Sì, lo schema di realizzazione è questo: ogni anno nel quadro rappresento un soggetto diverso ma legato alla Maratona, prima guardando a tutte le cittadine attraversate dalla corsa e ultimamente sempre al territorio di Russi. Per l’edizione del 2017 ho riportato il fiume Lamone e il Palazzo di San Giacomo visto da dietro, un soggetto che ho ripreso da un antico disegno”.

Il quadro si è costruito subito un suo successo e da 18 anni è parte integrante della Maratona. “Molti atleti che hanno corso la Maratona del Lamone sono venuti da me a chiedermi un’ulteriore autentica - rivela - oltre a quella che c’è già, sul loro quadro”. E l’unicità del contesto in cui il quadro si muove ha indotto il maestro Fava a “non esporli mai nelle mie mostre. E’ il quadro della maratona ed è giusto che rimanga confinato a questo ambito. E’ un punto fermo della mia produzione, alla pari della piastrella che rappresenta la Fira di Sett Dulur, ed è una delle poche cose che ho ancora voglia di fare. Del resto alla Maratona voglio bene. Questa corsa è entrata a far parte della mia vita; da bambino ero un atleta – racconta - correvo a piedi con risultati buoni, ma a scuola ero tra i migliori e dopo un po’ mi sono accorto che era meglio dedicarsi allo studio e all’arte”. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Global Ports Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2017