19 aprile 2019 - Russi, Economia & Lavoro

Russi: Dipendenti del Mercatone Uno in sciopero a Roma. La Shernon Holding ha presentato domanda di concordato

A Russi adesione totale allo sciopero. Il punto vendita è rimasto chiuso tutto Giovedì

I sindacati di categoria territoriali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno svolto giovedì 18 aprile 2019, un incontro a Roma al ministero dello sviluppo economico. Erano presenti, oltre ai sindacati, i rappresentanti dell’azienda Shernon Holding Srl, i funzionari del ministero e il commissario nominato dal tribunale di Milano per la richiesta di concordato in continuità avanzata dall’azienda.

La Shernon Holding, a sei mesi dall’acquisizione del gruppo Mercatone Uno, ha infatti presentato domanda di concordato al tribunale di Milano. Per la giornata di ieri i sindacati hanno dichiarato sciopero per tutto il gruppo e a Russi c’è stata l’adesione totale dei lavoratori con la conseguente chiusura del punto vendita. 

I lavoratori si sono recati a Roma in pullman e hanno protestato, davanti la sede del ministero, insieme ai sindacati. "C’è una grande preoccupazione per le sorti dei dipendenti – commentano i rappresentanti dei sindacati -. L’incontro ha evidenziato la disponibilità del ministero a collaborare per trovare una soluzione e nell’immediato chiede una maggiore chiarezza su dove verranno reperite le risorse e su quale sarà il piano aziendale. Un prossimo incontro è previsto per il 30 maggio, data in cui il ministero farà una verifica su quanto richiesto all’azienda".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.