16 giugno 2019 - Russi, Cultura, Eventi

Russi: per “Libri e autori in piazza” in scena Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi

Il primo presenterà il suo saggio “Romagna misteriosa. Storie e leggende di mare e di costa”, il secondo reciterà poesie e testi dialettali

Nell’ambito del ciclo “Libri e autori in piazza” in svolgimento a RUSSI (RA), Piazza Dante, col patrocinio del Comune di Russi, MERCOLEDI 19 GIUGNO alle ore 21.15 saranno di scena ERALDO BALDINI e GIUSEPPE BELLOSI.  Il primo presenterà il suo saggio “Romagna misteriosa. Storie e leggende di mare e di costa”, ed. Il Ponte Vecchio. Il secondo, oltre a condurre la presentazione, interverrà con la recita di poesie e testi dialettali sull’argomento (da Lorenzo Stecchetti e altri).

Durante tutta la serata sarà possibile usufruire dei servizi di bar, gelateria, enoteca del Bar Centrale e di ristorazione di Delithia; sarà inoltre presente il banco della Libreria LibriMi. Per prenotazioni e informazioni, tel. 338-5813937 o 0544-583219.

Il libro

Non si conoscono molti elementi relativi alla cultura marinara e portolotta della Romagna, perché essa è sempre stata considerata minoritaria e marginale, all’interno di un contesto regionale caratterizzato da prevalenti attività e culture contadine. Al di là di ciò, la gente di mare conduceva un’esistenza in cui i pericoli e le insidie erano forti e frequenti, e questo portava con sé preoccupazioni, timori e di conseguenza un immaginario e un bagaglio narrativo e folklorico particolari. Il mare rappresentava, per la mentalità, l’immaginario e la cultura del passato, un «altrove» non solo materiale e naturale, ma anche mitico, sacro, enigmatico; una dimensione dalle infinite e arcane potenzialità e connotazioni, travalicanti le geografie del prosaico e del conosciuto. È dal mare che nei miti, nelle storie e leggende, nella religiosità delle genti costiere, comprese le nostre, si raccontava fossero giunti a riva segni e prodigi, colonizzatori e fondatori, santi e reliquie, elementi del soprannaturale e del magico, che poi entravano a far parte della specificità e del vanto delle comunità litoranee, della loro storia, del loro tessuto devozionale, del loro blasone sia sacro che profano. Allo stesso tempo, fra realtà e narrazione, è frequente imbattersi in storie riguardanti terribili burrasche, pirati e corsari, fenomeni inspiegabili, vascelli fantasma, mostri marini e pesci straordinari, visioni ed esperienze inconsuete, pericoli veri e terrori fantastici. Né mancano tradizioni e ritualità che hanno il mare come scenario o come principale protagonista. Un universo poco conosciuto e affascinante che in questo libro viene per la prima volta, relativamente alla Romagna, indagato e raccontato ampiamente e nel suo insieme.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2019