22 agosto 2019 - Russi, Spettacoli

Russi: Domenica 25 agosto "Viva Espana", il concerto di musica spagnola di Saša Dejanović

Alle ore 21 presso l'ex Chiesa in Albis la musica spagnola del XIX e XX secolo per la rassegna Emilia Romagna Festival

"Emilia Romagna Festival" è la rassegna concertistica regionale unica nel suo genere, si svilupperà anche quest’anno su quattro province - Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì e Cesena - presentando, nell’arco di poco più di due mesi, moltissimi ospiti e altrettanti spettacoli che prenderanno vita negli oltre venti comuni del territorio.

L’appuntamento con Russi, presso l’Ex Chiesa in Albis di piazza Farini, è per domenica 25 agosto alle ore 21 con il concerto "Viva España” musica spagnola del XIX e XX secolo, di Saša Dejanović (chitarre) e con la partecipazione di Donato D’Antonio (chitarra).

Saša Dejanović, Nato a Banja Luka (Bosnia-Erzegovina) nel 1965. Si dedica alla chitarra classica fin dalla prima infanzia, entra nella scuola di musica nella sua città natale nel 1974. La sua formazione continua presso l’High School of Music di Sarajevo e Zagabria con il prof. Istvan Römer, dopo aver studiato chitarra all’Academy of Music di Zagabria, nella classe del professor Darko Petrinjak. Dopo aver vinto una serie di importanti competizioni, prima dei 19 anni, nel 1986, riceve una borsa di studio dal Fondo per giovani musicisti sotto la Concert Direktion Zagreb, finanziata su iniziativa di Ivo Pogorelich, e specializzato presso la “Accademia Internazionale Superiore di Musica” in Italia, con il professore Angelo Gilardino. Conclude i suoistudi al “Royal College of Music” di Londra. Partecipa a numerosi festival e workshop di chitarra
classica in Croazia, Bosnia-Erzegovina, Grecia, Ungheria e Germania. Collabora con professori  come David Russel, Hubert Käppel, Neil Smith, Roberto Aussel, Wolfgang Lendle.

Si è esibito in importanti sale da concerto come Philharmonie (Colonia), Kursahl (Wiesbaden), Deutschen Oper Am Rhein (Düsseldorf), Johannes Brahms Saal (Karlsruhe), Bachsaal (Aschaffenburg), Vatroslav Lisinski, Istituto croato di musica e Mimara (Zagabria), Jean Renoir (Parigi), Kitara (Saporro), Teatro Colon e Teatro Nacional “Cervantes” (Buenos Aires), Real Coliseo (El Escorial), Teatro Monumnetal, Ateneo e CC de la Villa (Madrid), Caja Madrid (Aranjuez e Barcellona ), Conde de Ansures e Auditorio de Ferias (Valladolid), Auditorio “Alfredo Kraus” (Las Palmas de Gran Canaria), così come in altre sale da concerto in Austria, Svizzera, Italia, Stati Uniti, Cile, Argentina e Giappone, ricevendo numerose recensioni, specialmente dalla stampa spagnola, tedesca, francese, giapponese e croata …. Al suo concerto al C.C. de la Villa, il titolo dell’articolo della rivista di musica spagnola “Ritmo” recita “Excelente interprete” (interprete
eccellente), e più tardi a Parigi un critico classico del programma radiofonico musicale “Musiques Courtoise” lo definisce chitarrista eccezionale, discendente di Segovia e Yepes.

Oltre ai vari CD ha registrato per reti tedesche, austriache, spagnole e croate. Una delle sue ultime esibizioni come solista è stata il concerto per chitarra e orchestra Malcolm Arnolds Op.67, accompagnato dalla filarmonica della Repubblica Ceca, diretto dal Maestro Alfonso Scarano. Il suo ultimo disco “Senderos” è apparso 2017 a Zagabria (Croazia).
Attualmente vive e lavora a Vrsar (Croazia-Mare Adriatico), dove dirige il Guitar Festival “The Sea & Guitars”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.