7 luglio 2018 - Sant'Alberto, Cronaca

Sant'Alberto, inaugurata la nuova caserma dei Carabinieri

Il Comandante provinciale De Cinti: "simbolo istituzionale irrinunciabile, un presidio saldamente legato alla realtà circostante"

Questa mattina a  Sant’Alberto, via Cavedone 35, ha avuto luogo la cerimonia d’inaugurazione della nuova Caserma dell’Arma, organizzata dal Comando Provinciale Carabinieri di Ravenna e dall’Amministrazione comunale. Alla cerimonia, che si è tenuta alla presenza del Generale di Divisione Adolfo Fischione, Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna di Bologna, hanno partecipato il dottor Francesco Russo, Prefetto di Ravenna, il dottor Alessandro Mancini, Procuratore della Repubblica di Ravenna, il Colonnello Roberto De Cinti, Comandante Provinciale di Ravenna, nonché le altre massime autorità locali e numerosi cittadini, spiegano i Carabinieri in una nota.

 

Accanto ad un reparto in armi, si sono schierati i militari della Stazione Carabinieri di Sant’Alberto, unitamente a una rappresentanza di Comandanti di Stazione, alle bandiere e alle sezioni dell’Associazioni Nazionali Carabinieri e Forestali della Provincia, al Gonfalone della Provincia di Ravenna, decorato di Medaglia d’Argento al valore civile, a quello del Comune di Ravenna, decorato di Medaglia d’oro al valor militare e alla Fanfara del 3° Reggimento Carabinieri “Lombardia” di Milano.

 

Il Sindaco di Ravenna ha donato alla Stazione Carabinieri di Sant’Alberto le bandiere Nazionale e Europea, consegnandole al Comandante della Stazione, Maresciallo Ordinario Rossano Cretì, e al suo sottordine, Brigadiere Capo Sandro Pati.

 

Dopo il taglio del nastro, ha avuto luogo la benedizione dello stabile da parte del Cappellano Militare della Legione Carabinieri Emilia Romagna, Don Giuseppe Grigolon.

 

Il saluto del Comandante provinciale

 

Ecco l'intervento del colonnello Roberto De Cinti: "A nome dei Carabinieri della Provincia di Ravenna, porgo un saluto di benvenuto ai presenti, qui convenuti per inaugurare la nuova sede della Stazione di Sant’Alberto

Oggi abbiamo la possibilità di festeggiare l’ingresso nella Caserma, la cui realizzazione è stata fortemente voluta dall’Amministrazione comunale passata, senza soluzione di continuità sostenuta da quella attuale, sicuramente auspicata dall’Arma e sentitamente desiderata dalla comunità di Sant’Alberto, che ha qui accolto sin dal 1860 i Carabinieri, quali espressioni concrete dello Stato nel territorio e parti riconoscibili delle collettività locali.

Non sono pochi i cinque anni trascorsi nell’attesa di questo momento, ma ne è valsa la pena, qualora si consideri la lungimiranza di tutti coloro i quali hanno inteso affrontare un prolungato disagio in vista di una rinnovata e gradevole permanenza.

Si tratta di un disagio consistito nella ridislocazione in Savarna dei militari di Sant’Alberto, che, comunque, hanno continuato a rivolgere la propria attenzione alla giurisdizione di competenza, al fine di mantenere intatto il collegamento con la gente del posto, nonché il controllo assiduo e l’intervento in caso di bisogno.

Mi riferisco a un disagio che è finalmente terminato, attraverso il notevole impegno dell’Ente proprietario, il paziente auspicio di ognuno e la significativa collaborazione di ciascuna componente dell’aggregato sociale.

In estrema sintesi, è stato il corale contributo ricevuto a rendere tangibile il raggiungimento dell’importante obiettivo da tempo perseguito e ora celebrato con affetto e percepito calore.

La Caserma di fronte a noi non costituisce un punto d’arrivo, bensì una non scontata opportunità di elevazione dei livelli di serenità e tranquillità, nonché di restituzione alle persone della visibilità di un simbolo istituzionale irrinunciabile.

È un presidio saldamente legato alla realtà circostante, in quanto retto e alimentato da militari che qui hanno inteso dimorare stabilmente, hanno formato ulteriori nuclei familiari e hanno cresciuto donne e uomini responsabili di delicati uffici, con incarichi strettamente correlati all’esercizio di funzioni a garanzia della civile convivenza, tra le quali figurano quelle necessarie per l’amministrazione della giustizia nella Provincia.

Sento il dovere di ringraziare i Carabinieri di Sant’Alberto, che con passione e spirito di servizio adempiono giornalmente alla missione affidata, avendo ben compreso l’importanza della disponibilità, della solidarietà e dell’obiettività.

Rivolgo un sincero ringraziamento alla gentile Madrina, moglie del Comandante della Stazione, da poco subentrato al predecessore, amico e collega, la quale rappresenta di fatto tutti i congiunti dei militari dell’Arma.

Infine, mi si permetta di essere riconoscente verso coloro che, con grandi e piccoli gesti, alla luce delle rispettive capacità, hanno reso possibile il risultato ottenuto.

Nuovamente grazie di cuore, soprattutto per la vicinanza sempre dimostrata e apprezzata", conclude il colonnello.

 

L'intervento del sindaco

"Oggi – ha dichiarato il sindaco Michele de Pascale - è una giornata molto importante e molto bella per tutta la comunità di Sant’Alberto. Inauguriamo ufficialmente la nuova sede della caserma dei Carabinieri, operativa già da alcuni mesi. Il legame tra i cittadini di Sant’Alberto e l’Arma dei Carabinieri è sempre stato fortissimo. Per questo, condividendo e aderendo pienamente alla richiesta di attenzione venuta dal consiglio territoriale e da tutta la cittadinanza, affinché potesse essere mantenuto sul territorio un presidio delle forze dell'ordine, l’amministrazione comunale si è impegnata a individuare e a riqualificare un luogo che potesse assolvere appieno a tutte le importanti funzioni che ogni giorno i rappresentanti dell’Arma sono chiamati a svolgere a tutela della sicurezza e del benessere dei cittadini. Quello che festeggiamo tutti insieme oggi è solo uno dei tanti e positivi frutti della quotidiana collaborazione fra Comune di Ravenna, comando provinciale dell' Arma dei Carabinieri e Prefettura”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
Maratona di Ravenna Ravenna Città d'arte, edizione 2018