28 marzo 2013 - Turismo, Cervia

Spiaggia 'by night': Cervia come Marina ma solo una volta alla settimana

La proposta dell'amministrazione comunale al tavolo di concertazione sul turismo

Gli stabilimenti balneari di Cervia aperti anche di notte una volta alla settimana. La proposta è emersa questa mattina al tavolo di concertazione sul Turismo di Cervia, alla presenza di tutte le forze economiche e sociali (Ascom, Cna, Confartigianato, Confesercenti, LegaCoop-Coop Bagnini, Cgil, Cisl, Uil) e degli assessori Michele de Pascale e Luca Coffari. Tema oggetto dell'incontro la regolamentazione degli orari di apertura degli stabilimenti balneari, disciplinati dall'ordinanza balneare per la stagione turistica 2013. L'idea di un'apertura 'morbida' dei bagni era stata lanciata nei giorni scorsi dal presidente Ascom Cervia Terenzio Medri. 
"Abbiamo assistito - dichiarano gli assessori de Pascale e Coffari - come di consueto, al dibattito di questi mesi sul complesso tema degli orari di apertura della spiaggia. La nostra città, così come tutta la riviera adriatica, vive un periodo di grave crisi che coinvolge trasversalmente tutte le attività economiche. E' nostro dovere affrontare i prossimi anni con equilibrio e con spirito di cambiamento ed innovazione, al fine di offrire a turisti un prodotto rinnovato e maggiormente competitivo. Siamo assolutamente contrari all'apertura indiscriminata degli stabilimenti balneari e riteniamo che alcuni interessanti riflessioni sui comparti, avanzate in questi mesi, non possano trovare risposta in un'ordinanza, ma debbano bensì essere protagoniste della discussione pubblica sul prossimo piano dell'arenile. In questo senso, abbiamo proposto a tutte le forze economiche della città di portare un elemento di innovazione nell'offerta, contemplando una singola serata di apertura settimanale (fino alla mezzanotte) nei giorni più deboli della settimana, da aggiungersi alle tre ormai consolidate, (Notte Rosa, San Lorenzo, Ferragosto) con l'obbiettivo non di ripartire diversamente i turisti già presenti fra i diversi esercizi, ma di creare un evento ricorrente capace, col tempo, di attrarre nuove presenze. Siamo consapevoli che questa proposta sarà valutata da alcuni come stravolgente e da altri come insufficiente, ma riteniamo in questo modo di contemperare le esigenze di cambiamento, con un equilibrio economico fra le diverse categorie, e fra le diverse zone della città che rimane uno dei punti di forza sia per l'offerta turistica, che per la coesione sociale. Abbiamo chiesto a tutte le forze economiche, pareri, critiche e proposte, al fine di definire entro 15 giorni, giornata, regole e modalità di svolgimento. Dobbiamo riconoscere, con nostro grande piacere, di aver trovato un clima molto costruttivo che, seppur con le opportune differenze, ci fa ben sperare in una discussione serena e proficua per la città."

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.