I due bosniaci erano scappati a bordo di una Ford Fiesta, ma erano finiti contro un albero

Nella mattinata di mercoledì 6 marzo, la Polizia di Stato ha arrestato due bosniaci, un 42enne e un 39enne, in Italia senza fissa dimora, per i reati di tentato furto aggravato e resistenza a Pubblico Ufficiale, in concorso. I due, colti sul fatto durante un furto ai danni di un camionista, sono stati fermati al termine di un inseguimento, prima in auto e poi nei campi nella zona di via Chiavica Romea.

I fatti

In seguito alla segnalazione del furto e della fuga a bordo di una Ford Fiesta dei due giunta al Numero Unico di Emergenza, tutte le pattuglie della Polizia di Stato disponibili nella zona sono state allertate e, all’altezza della rotonda Mattei, un equipaggio della Polizia Ferroviaria di Ravenna ha individuato l’autovettura segnalata, che effettuava a velocità sostenuta la svolta in via Chiavica Romea.

A causa dell’alta velocità, il conducente della Ford Fiesta ha perso il controllo del veicolo andando ad arrestare la propria corsa contro un albero. I due sono usciti illesi dalla vettura e hanno proseguito la fuga, a piedi, prendendo direzioni opposte. Il 42enne è stato raggiunto dagli uomini della Polfer dopo un inseguimento di circa 7-800 metri nei terreni incolti adiacenti la via Chiavica Romea, mentre il 39enne è stato invece bloccato dagli agenti di una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico della Questura dopo che aveva oltrepassato la recinzione di un’abitazione di via Chiavica Romea e si era nascosto a ridosso di una siepe.

Entrambi gli stranieri hanno opposto resistenza al controllo, ma sono stati condotti in Questura e dichiarati in arresto, quindi condotti alla Casa Circondariale di Ravenna a disposizione della procura della Repubblica.