Seduta aperta al pubblico il 28 maggio, richiesta dall’opposizione

Il tema della piscina comunale in una seduta pubblica del Consiglio. “Facendo retromarcia sul progetto di demolizione e ricostruzione dell’attuale piscina di via Falconieri, il sindaco ha deciso, approdando largamente alle tesi dell’opposizione, di tenerla in vita, ristrutturandola, e di farne un’altra nel terreno a fianco”, spiega in una nota il capogruppo di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi. “Ne ha però tenuto all’oscuro il consiglio comunale, nonostante che, secondo la legislazione italiana, esso sia l’organo sovrano del Comune, alle cui direttive dovrebbe democraticamente sottostare. “Come si possa da un momento all’altro fare carta straccia di atti amministrativi compiuti pone gravi problemi di legittimità, su cui il sindaco continua a glissare. Non potendosi ulteriormente sottrarre alla cittadinanza il diritto ad una corretta informazione, ci ha pensato l’opposizione a richiedere ed ottenere, a norma di legge, la convocazione ad hoc del consiglio comunale. L’iniziativa, ad opera dei capigruppo di Lista per Ravenna, Lega Nord e Forza Italia, è stata condivisa e sottoscritta da tutti i 12 consiglieri di minoranza, dunque anche dei gruppi CambieRà, Gruppo Misto, La Pigna e Ravenna in Comune”.

La seduta sarà convocata – aperta al pubblico -  per il pomeriggio di martedì 28 maggio. “Il documento di cui si discuterà è stato redatto, con il contributo fattivo di tutti i gruppi aderenti, dal primo firmatario, Alvaro Ancisi, che ne sarà anche il relatore”. Ci si rivolge alla Giunta in merito ai “nodi da scigliere”, rileva Ancisi.

“Secondo il codice degli appalti, il contratto quindicennale con l’attuale gestore dell’impianto esistente sarebbe dovuto cessare il 31 dicembre scorso, senza alcuna proroga. La giunta comunale ne ha invece concesso una di sei mesi. Il codice stesso e ancor prima la legge comunitaria del 2004 impongono però che non ce ne sia un’altra. Il 1° luglio  il Comune potrà dunque gestire la piscina solo in proprio. Si vuol sapere se questa sia l’intenzione della giunta comunale e come vorrebbe praticarla”.

Inoltre “al costo pubblico di 15,2 milioni e anche meno, una seconda piscina avrebbe potuto e potrebbe essere realizzata in una zona opposta a via Falconieri, onde offrire un miglior servizio alla cittadinanza residente sul lato nord della città e del forese. La giunta dovrà spiegare quale coerenza e quale prevalente interesse pubblico motivino la sua nuova scelta”.

“La giunta comunale ha approvato una relazione sulla “verifica di fattibilità” del project financing proposto , che ha giustificato così l’abbattimento della vecchia piscina: ‘L’attuale impianto…risulta, in gran parte delle sue componenti, in uno stato vetusto e che necessita di interventi straordinari, che consistono nel rifacimento degli impianti tecnologici, della copertura mobile, nella rifunzionalizzazione degli spogliatoi e delle vasche…’. Agli atti risulta che tale impianto, quando fu affidato, nel 2004, allo stesso gestore del precedente appalto, era stato a caro prezzo pubblico rimesso totalmente a nuovo e in piena efficienza. Nel corso della gestione, la ditta appaltatrice ha incassato dal Comune canoni per 6 milioni e 80 mila euro (+ Iva) del valore di allora via via indicizzato, lasciando al Comune solo il 3% degli incassi sui circa 8 milioni, ai valori attuali, introitati nei 15 anni. Ha incassato dunque, in totale, ben oltre 14 milioni degli euro spendibili oggi. In cambio, alla scadenza, avrebbe dovuto riconsegnare la struttura tal quale, sulla base di norme contrattuali stringenti. Alla giunta si chiede come ciò si contemperi con lo stato attuale dell’immobile, decadente e degradato, e con gli alti costi necessari per rimetterlo in sesto”.

Infine, “di per stessa, la costruzione della nuova piscina richiede un impegno di spesa considerevole, incompatibile col piano finanziario del project financing approvato dalla Giunta e col progetto stesso. La giunta deve dunque chiarire se (come dovuto) intende revocare la deliberazione che approva la proposta privata di Finanza di Progetto” e “predisporre correttamente una propria nuova proposta di progetto da aggiudicare tramite bando pubblico. Ed inoltre se vorrà coinvolgere, in ogni fase progettuale, i soggetti che usufruiscono della piscina comunale, quali le società e le associazioni sportive natatorie, nonché la Federazione Italiana Nuoto nazionale, che si è dichiarata disponibile”.