Il fiuto del cane “Luky”, specializzato nella ricerca di stupefacenti, si è rivelato fondamentale

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Faenza, coadiuvati da militari della Stazione di Castelbolognese e da un’unità del Nucleo Cinofili della Guardia di Finanza di Ravenna, hanno arrestato per  “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti” un 29 enne cittadino marocchino residente a Castelbolognese.

I militari, per dare esecuzione ad un decreto di perquisizione, sono arrivati alle prime luci dell’alba nell’appartamento del giovane e con l’ausilio del cane antidroga della Guardia di Finanza di Ravenna hanno iniziato le operazioni di ricerca di sostanze stupefacenti. Dopo aver setacciato l’appartamento senza rivenire alcunché, gli operanti si sono diretti nella cantina dell’abitazione, dove il fiuto del cane “Luky”,  specializzato nella ricerca di stupefacenti, si è rivelato fondamentale. Infatti opportunamente nascosta è stata recuperata della sostanza stupefacente: un panetto di circa 100 grammi ed un ovulo del peso di 10 grammi  di “hashish”. Il giovane portato in Caserma dopo le formalità di rito è stato tratto in arresto per “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente”. L’arresto è stato avallato dal P.M. di turno e successivamente il soggetto è stato tradotto presso il Tribunale di Ravenna, dove il Giudice ha convalidato l’arresto e stante il suo stato di incensuratezza lo rimetteva in libertà  in attesa del processo.