Sabato 21 settembre. Una sezione dedicata all’opera di Paolo Fabbri

Sabato 21 settembre la Società di studi ravennati presenta il numero 25 del 2018 della rivista Ravenna studi e ricerche. La presentazione sarà alla Casa Matha alle ore 17.00: la storia della città si arrischisce quindi di nuovi “tasselli”.

Il direttore responsabile della rivista, Eugenio Spreafico, presenterà anche il nuovo consiglio direttivo presieduto dalla giovane architetto Gabriella Mazzone e composto da Linda Kniffitz, Alessandro Bazzocchi, Maria Cristina Carile, Osiride Guerrini e da Claudia Foschini.

Il volume, molto corposo, contiene contributi di Cetty Muscolino, Federica Cavani sulla storia e i significati dei labirinti, di Eugenio Spreafico sulle immagini equestri delle monete romane di età repubblicana, di Costanza Fabbri su un quadro della quadreria classense proveniente da S. Agata Maggiore.

Molto interessante è anche il contributo di Fabio Giuseppe Minero sugli anni piemontesi di Luigi Carlo Farini. Minero è allievo di Silvia Cavicchioli, docente a Torino e autrice di un fortunato libro su Anita Garibaldi. L’architetto Ferruccio Canali contribuisce con un saggio sul rapporto di amicizia fra Corrado Ricci, Luca Beltrami e Gaetano Moretti. Canali ha a lungo indagato i rapporti di amicizia e professionali fra Corrado Ricci e alcuni suoi contemporanei a partire dalle lettere conservate presso le carte Ricci della Biblioteca Classense. Il volume si chiude con una sezione dedicata agli atti della giornata di studi che la Società ha dedicato il 16 marzo 2015 sulla figura e l’opera del geografo Paolo Fabbri. Saranno presenti il fratello, Fabio Fabbri, già docente universitario all’università di Roma Tor Vergata, e le figlie.