Il 33enne è stato bloccato a Mantova in stazione

E’ stato fermato a Mantova con l’accusa di tentato omicidio il 33enne tunisino che la notte dell’8 ottobre scorso, come spiegano i Carabinieri, ha accoltellato in un appartamento di Cervia un connazionale 30enne per poi darsi alla fuga. Ma non prima di aver chiuso l’ingresso. Secondo la ricostruzione dell’Arma, l’aggressore aveva sottratto all’altro tunisino la somma di 500 euro; ne è nata una colluttazione durante la quale il 33enne ha sferrato un colpo all’addome. La vittima, con una grave ferita, è riuscita comunque ad allertare il 112. I Carabinieri di Cervia Milano-Marittima sono intervenuti prontamente, sfondando una porta e facendo uscire dalla finestra il ferito: trasportato al Bufalini di Cesena in prognosi riservata, è stato dimesso oggi. Sono subito partite le indagini, che hanno fatto leva anche su ricerche nei social network. Il “profilo” del 33enne, che comunque era sotto falso nome, è così venuto alla luce. In seguito al fermo di indiziato di delitto da parte della Procura di Ravenna, l’uomo è stato individuato e poi bloccato, con la collaborazione dei Carabinieri di Mantova, alla stazione della città lombarda; da dove, è emerso, era in procinto di raggiungere la Germania, con una somma di circa1400 euro. Entrambe le persone coinvolte nella vicenda risultano pregiudicate per droga. L’aggressore è accusato anche di rapina.