La decisione dopo oltre un mese di prova

A più di un mese dalla ripresa delle attività didattiche dopo la pausa estiva, all’Oriani di Faenza il suono della campanella, oltre a segnalare l’inizio delle lezioni, coincide con il deposito di smartphone e altri device in apposite custodie non solo durante le ore di lezione ma anche nel corso degli intervalli, delle ore di laboratorio e in palestra.

Sono queste le nuove direzioni dell’istituto tecnico faentino, aggiornate anche sul regolamento di istituto date dal dirigente scolastico, Fabio Gramellini,  che ha condiviso con i docenti la scelta.

Se negli anni passati all’Oriani il cellulare era consentito in alcuni momenti, durante gli intervalli e nelle ore di laboratorio e in palestra, dal nuovo anno 2019-2020 il cellulare sarà possibile solo ed esclusivamente per motivi didattici, su permesso dell’insegnante. 

A rafforzare la scelta dell’istituto Oriani un recente studio sulle dipendenze effettuato su un campione di 500 ragazzi; ebbene è emerso che lo smartphone viene osservato mediamente 70 volte al giorno con picchi fino a 110 volte, distogliendo l’attenzione dal mondo reale e concentrandosi su una realtà virtuale.