Il taccheggiatore è stato notato da un addetto alla vigilanza che ha avvertito i Carabinieri

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Lugo, nel corso di un servizio serale, sono intervenuti presso l’Ipercoop di Lugo dove hanno tratto in arresto un giovane residente nel lughese. Lo stesso poco prima era stato notato aggirarsi, dal personale del supermercato, con fare sospetto, tra gli scaffali. Un dipendente facente parte della vigilanza era riuscito, in particolare, a cogliere un movimento furtivo del giovane notando che in seguito si era appartato in un luogo poco osservato per qualche minuto.

A tal punto il dipendente ha deciso di chiamare il 112 per far eseguire un controllo del ragazzo da parte di una pattuglia dei Carabinieri. Giunti sul posto i militari dell’Arma hanno immediatamente fugato i sospetti grazie anche alla conoscenza diretta da parte degli stessi della persona segnalata ben nota. Nella circostanza è stato infatti accertato che il ragazzo, che aveva già fisicamente oltrepassato le casse, si era reso responsabile del furto di una bottiglia di liquore di pregio da cui, nel tentativo di non essere scoperto, aveva preventivamente staccato anche il sistema antitaccheggio per eludere i controlli in uscita, nascondendola sotto la giacca.

La merce sottratta è stata immediatamente restituita all’avente diritto e il giovane, con vari precedenti specifici alle spalle, tratto in arresto. Espletate le formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ravenna il lughese è stato trattenuto presso la camera di sicurezza dell’Arma in attesa della direttissima il cui esito ha determinato la convalida dell’arresto.