In occasione del 250° anniversario della nascita

Oggi, domenica 19 gennaio, alle ore 11 il pianista Giuseppe Fausto Modugno proporrà al pubblico di Sala Corelli -Teatro Alighieri, Ravenna – una interessante conferenza-concerto dal titolo “Beethoven, tra etica e poesia”. In programma le due Sonate “La Tempesta” e “Patetica”.

Giuseppe Fausto Modugno

Nato a Bologna, Modugno si diploma a vent’anni in pianoforte presso il Conservatorio della sua città con il massimo dei voti e la lode. A una formazione artistica e culturale di ampio respiro deve la propria attenzione verso un’interpretazione dell’attività di solista e camerista aperta a una visione a tutto campo del fenomeno musicale. Si è formato alla scuola di Franco Scala e si è laureato al DAMS presso l’Università di Bologna. Ha compiuto, tra le altre, tournées in Russia, in Germania, in Spagna, in Inghilterra, Francia, Belgio, negli Stati Uniti e in Giappone esibendosi per prestigiose istituzioni e in importanti sale da concerto. Il suo repertorio spazia dai classici ai contemporanei e nei suoi programmi ama accostare al grande repertorio pagine di compositori viventi e brani inediti, frutto di un’appassionata e continua ricerca. I suoi interessi lo portano a dedicarsi da anni alla proposta di frequentatissimi cicli di conferenze-concerto dedicati agli autori e ai problemi storico estetici del grande repertorio. In quest’attività è affiancato spesso da importanti personalità del mondo della cultura, tra le quali Massimo Cacciari, Massimo Donà, Giulio Giorello, Eugenio Riccomini, Vittorio Riguzzi. È stato molte volte ospite in veste di pianista nelle trasmissioni RAI con Corrado Augias, con il quale ha registrato sedici DVD sui grandi compositori per Repubblica e L’Espresso. È membro dell’Accademia Filarmonica di Bologna dal 1994, ne è stato per anni Consigliere Artistico e nel 2004 gli è stato conferito dalla Australian Society of Musicology and Composition il Diploma “Honoris Causa”. Infaticabile e importante anche la sua attività di organizzatore in campo musicale. È stato fin dalla nascita (nel 2004) Segretario Artistico dell’Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado e con lui ne ha ideato e organizzato l’Accademia, nelle cui fila sono passati alcuni dei giovani talenti italiani più interessanti degli ultimi anni. Ha inciso per Nuova Era, Hermitage, Tactus e Concerto proponendo tra l’altro prime registrazioni assolute di inediti di Mendelssohn e Haydn. È titolare della Cattedra di Pianoforte principale presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi-Tonelli di Modena.

 

info 347.4310058