Dopo 31 anni il festival non approderà a Russi per motivi logistici e tecnici estranei al gruppo canterini romagnoli e al comune di Russi

Il neo presidente del gruppo Canterini Romagnoli “Città di Russi”, Federico Facchini, comunica che la rassegna internazionale “Festival del Folklore”, della quale la suddetta associazione ha fatto parte per oltre 30 anni, non farà tappa a Russi per l’edizione 2020.

Facchini precisa che tale decisione non è imputabile al gruppo folkloristico né tantomeno al comune di Russi, riconducendo le motivazioni dell’addio a motivi logistici e tecnici a loro estranei.
E’ opportuno sottolineare che i Canterini Romagnoli sono stati tra i pionieri del festival internazionale del Folklore, portando a Russi per ben 31 edizioni una rassegna in grado di coinvolgere gruppi folkloristici da tutto il mondo e diffondendo i valori che risiedono alla base della comunità russiana: condivisione, integrazione, comunità, cultura e tradizione.
Da questi punti è sempre partito il lavoro svolto dai vari presidenti che si sono succeduti nel tempo, in ultimo da Gianna Santarelli prematuramente scomparsa. Il “Festival del Folklore”, grazie agli sforzi prodotti da tutti i membri del gruppo, non solo ha contribuito alla crescita della comunità russiana, ma ha anche favorito l’integrazione tra popolazioni differenti provenienti da tutto il mondo.
I Canterini Romagnoli “Città di Russi” hanno sempre potuto contare sul lavoro impeccabile e amorevole dei loro membri, la cui dedizione ha consentito alla rassegna di conquistare una caratura internazionale. Il gruppo folkloristico Canterini Romagnoli “Città di Russi”, con il supporto indispensabile del comune, della Provincia di Ravenna, dalla Regione Emilia Romagna e dell’Unione Folkloristica Italiana (oltre ai numerosi sponsor che hanno creduto nell’iniziativa nel corso degli anni), ha contribuito all’organizzazione, alla gestione e alla realizzazione di un progetto unico e difficilmente imitabile.
“I tempi cambiano e non tutto può rimanere immutato” dichiara il presidente Facchini, scendendo maggiormente nei particolari: “Mi rivolgo ai cittadini e a tutti coloro che, girando per le vie del paese, si sono chiesti che fine abbia fatto il “Festival del Folklore” non ottenendo una risposta chiara. La rassegna folkloristica proseguirà il suo corso in diversi comuni dell’Emilia Romagna ma, sfortunatamente, non avrà luogo nel comune di Russi. Tutti i componenti del gruppo Canterini Romagnoli “Città di Russi” esprimono il loro rammarico per una decisione molto sofferta ma inevitabile”.
Il neo presidente Facchini rassicura infine in merito alla prosecuzione della tradizione canterina romagnola: “Certi che la presenza sul territorio comunale e provinciale rimarrà viva attraverso le numerose iniziative patrocinate dal comune di Russi, la tradizione delle cantate romagnole e russiane procederà con l’intento di avvicinare nuove generazioni alle canzoni cantate in dialetto romagnolo”.