Già da oggi consegna di 300 mascherine a ciascuna delle 400 farmacie

Durante l’emergenza sanitaria attuale, si sta ancor oggi evidenziando una forte necessità di mascherine protettive a norma di legge. Quelle che, in sostanza, tutti noi dovremmo usare nelle poche occasioni in cui usciamo di casa, per i motivi stabiliti da apposito Decreto.

Corofar, grazie ad un contatto di carattere internazionale, è riuscita nelle ultime ore a superare un blocco delle forniture che ha colpito numerose aziende, operato in maniera particolare da Germania e Turchia.

“Fino ad ora ci è stato possibile consegnarne in numero limitato, appena sufficiente per gli operatori delle farmacie che seguiamo” conferma Pier Luigi Zuccari, Presidente di Corofar “mentre da oggi siamo in grado di rifornire i vari presidi del territorio con numeri decisamente più importanti, assicurando i criteri di capillarità ed equità”.

Entro una settimana, saranno oltre 400mila le mascherine monouso acquistabili nei punti vendita serviti da Corofar, e già da oggi pomeriggio (martedì) saranno in consegna 300 mascherine a ciascuna delle 400 Farmacie private e parafarmacie fornite da Corofar. Altre 300 verrano consegnate giovedì pomeriggio, mentre una ulteriore tranche, sempre di circa 300 pezzi a punto vendita, sarà in consegna nei primi giorni della prossima settimana.

Nello specifico, ricordiamo che Corofar fornisce servizi e prodotti a oltre 400 tra farmacie e parafarmacie nelle province di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna, Rimini e, fuori regione, Arezzo.

“Una fornitura finalmente significativa” aggiunge Zuccari “anche perché su questo materiale stiamo assistendo ancora a diversi blocchi internazionali. Creare un varco non è stato semplice, ma abbiamo considerato da subito la fornitura di mascherine chirurgiche come una priorità. E ci siamo riusciti”.

Le mascherine chirurgiche monouso potranno essere messe in vendita dalle farmacie ad un prezzo consigliato di circa 2 euro. “Un prezzo sicuramente accettabile, anche se sappiamo essere ancora al di sopra dello standard in tempi normali. Incidono, e non poco, i costi dei trasporti speciali che abbiamo organizzato con tanta attenzione. E siamo sicuramente convinti” conclude il Presidente di Corofar “di aver realizzato una operazione necessaria, utile, e molto gradita, sia alle farmacie sia ai cittadini”.