Dalla vicenda del Cassero bolognese alle meraviglie della Rocchetta Mattei e della Certosa di Bologna

Prosegue senza sosta, con un grande riscontro di pubblico, #laculturanonsiferma, il grande festival multimediale promosso dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con il mondo della cultura regionale. Un festival tutto dedicato a chi, costretto a casa dalle misure di contenimento dell’epidemia da Coronavirus, voglia fruire il meglio della programmazione culturale prodotta in regione.

Da oggi, per quattro venerdì, RadioEmiliaRomagna trasmetterà in podcast quattro spettacoli della compagnia Ateliersi. Lo Speciale Ateliersi on air si configura come un piccolo viaggio nella produzione del collettivo bolognese formato da Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi. Si parte con Soli, riscrittura di “Pensaci, Giacomino!” di Pirandello; il 10 aprile è invece in programma De facto, un’opera poetica elettronica che elabora i materiali relativi alla strage di Ustica. Lo speciale prosegue il 17 aprile con Non stare ferma nel vento, un reading poetico e musicale ideato e interpretato da Fiorenza Menni. Ultima tappa il 24 aprile con in Your Face, spettacolo finalista Ubu come miglior progetto sonoro 2018 (musiche di Vittoria Burattini, Vincenzo Scorza e Mauro Sommavilla, eseguite da Scorza e Sommavilla con Giulia Formica). L’opera attinge ai profili Facebook di alcune persone che attraverso i social raccontano il proprio rapporto con il reale.

In video, da segnalare oggi alle ore 18,50 Torri, checche e tortellini, documentario di Andrea Adriatico sull’esperienza della concessione di un edificio pubblico a un circolo omosessuale: nei primi anni 80 il Comune di Bologna concesse al Circolo 28 Giugno l’uso del cassero di Porta Saragozza, che sarebbe diventato uno dei luoghi simbolo del movimento Lgbt in Europa. Ne parlano i testimoni, sia attivisti che politici.
Sempre stasera, alle 21,30, prezioso appuntamento con la rassegna in live streaming Jazz a domicilio – La maratona del Jazz: si esibiranno la cantante Cristina Zavalloni e Cristiano Arcelli al sax.

Dall’ampia programmazione di domani, sabato 4 aprile, segnaliamo (ore 20) un video prodotto dall’Università di Ferrara: Anatomia per uso et intelligenza del disegno. Storia di un restauro: come viene restaurato un libro antico? Un restauratore professionista illustra alcune delle tecniche che ha utilizzato per trattare un atlante di anatomia del XVII secolo. E a seguire, sempre a cura dell’Universita di Ferrara – Catalogare un libro antico. Il video mostra un catalogatore professionista alle prese con una cinquecentina del fondo Giuridico di Unife, della quale, grazie alle sue competenze, studia e descrive gli elementi specifici (frontespizio, segnature, dati d’esemplare).
Quindi, alle 21,15, teatro con Antigone ovvero una strategia del rito, da Sofocle, grande testo classico dell’antichità con Elena  Bucci e Marco Sgrosso che ne curano la regia e interpretano Antigone e Creonte.

Nella programmazione di domenica spicca (ore 20) La Rocchetta Mattei, video ambientato nell’eclettico castello sito tra Riola e Grizzana sull’Appennino bolognese, prodotto da Run Multimedia. A seguire Gli artisti della Rocchetta. Il racconto del restauro della straordinaria struttura realizzata dal conte Mattei. Quindi Gli strumenti musicali meccanici alla Rocchetta Mattei (sulla Collezione Marini in mostra permanente all’interno del castello) e La mia casa è il mio castello, dove Aleksej racconta la sua storia per i più piccoli.
Alle ore 20,30 Formato Ridotto, di Claudio Giapponesi, Paolo Simoni, Antonio Bigini, film collettivo che segna l’incontro tra Home Movies e un gruppo di scrittori: Enrico Brizzi, Ermanno Cavazzoni, Emidio Clementi, Ugo Cornia e Wu Ming 2.

Infine, dal palinsesto di lunedì segnaliamo (ore 18,50) Bologna – Cimitero Monumentale della Certosa, video, in linguaggio dei segni Lis, che ne racconta l’evoluzione da necropoli etrusca a cimitero moderno, e ne segnala le tombe e i monumenti più significativi dal punto di vista storico o artistico. Ricorda inoltre i personaggi famosi che vi sono sepolti, tra cui il pittore Giorgio Morandi, lo scrittore Giosue Carducci e il cantante Lucio Dalla.
Nel tardo pomeriggio, la programmazione di lunedì propone lo streaming quotidiano in diretta (19:30) di Jazz a domicilio – La Maratona del Jazz, con Pasquale Mirra, vibrafonista e compositore tra i più quotati del jazz italiano.

Gli eventi andranno on line sulle piattaforme regionali di EmiliaRomagnaCreativa (www.emiliaromagnacreativa.it) e Lepida Tv www.lepida.tv, canale YouTube LepidaTV OnAir, oltre che sul canale 118 del digitale terrestre e sul 5118 di Sky e sulle pagine web e social degli operatori culturali coinvolti nell’evento. Media cui si somma, per quattro venerdì, il podcast su RadioEmiliaRomagna. 

I programmi potranno subire variazioni, gli aggiornamenti sul portale www.emiliaromagnacreativa.it