Fondatore prima della DC, poi della Carnevali Cantieri Nautici

Lutto nel mondo della nautica italiana per la dipartita di Ambrogio Carnevali

Ravenna in lutto per la morte di Ambrogio Carnevali uno dei fondatori della nautica ravennate e punto di riferimento per quella italiana.

Nel 1960, insieme al socio Giancarlo Dellapasqua, fondò a Marina di Ravenna il cantiere nautico DC, ma nel 1992 i due soci si separarono: da una lato Dellapasqua DC Cantiere Nautico, dall’altro Carnevali Cantieri Nautici.

Negli anni seguenti poi Ambrogio lasciò le redini della società al figlio Angelo, che la gestisce tuttora.

Come si legge sul sito web della società Carnevali Cantieri Nautici: “Il 1992 costituisce un anno storico per la nautica da diporto e per l’industria delle imbarcazioni con flybridge: Angelo Carnevali vara il primo yacht targato Carnevali, il 36, e inaugura una proficua stagione di successi che nel giro di poco più di 10 anni vede la crescita esponenziale e l’affermazione indiscussa di un grande cantiere.

Ne è stata fatta di strada dai lontani anni ’60, quando il fondatore Ambrogio Carnevali, primo ad utilizzare la carena planante Hunt e la motorizzazione entro fuori bordo, dimostrava la spiccata spinta all’innovazione e la cura dei dettagli, che sarebbero poi diventati leit-motiv del cantiere di Marina di Ravenna.

L’affermazione di Carnevali come sinonimo di continua ricerca dell’eccellenza, sodalizio di tradizione artigianale e sviluppo tecnologico, ma soprattutto passione per il mare inteso come libertà, è confermato anche dai numerosi riconoscimenti che il mondo nautico ha voluto attribuirgli”.