Ladro di biciclette beccato a Faenza dalla Polizia Locale dopo un furto avvenuto in pieno centro nel pomeriggio del 13 maggio.

L’uomo, poi identificato in un albanese nato a Tirana nel 1970, residente nella città manfreda da anni, ha aspettato che un edicolante si allontanasse per alcuni minuti dal suo chisoco e, con estrema abilità, ha forzato in pochi istanti il lucchetto della bicicletta della donna. Saltato in sella, si è dileguato, trovando anche il tempo di sbeffeggiare la sua vittima che, resasi conto di quanto stava accadendo, ha tentato un disperato inseguimento del malfattore.

La donna si è presentata subito il giorno successivo al Comando della Polizia Locale di Faenza, per denunciare il furto. L’intera scena, si è accertato dopo la denuncia, era stata ripresa dalle videocamere di sorveglianza pubblica del centro, circostanza che ha permesso di indirizzare le indagini. Dopo un lavoro investigativo i vigili sono riusciti a risalire ad alcuni fotogrammi dove il volto dell’uomo era perfettamente riconoscibile.

Pertanto, nel pomeriggio di ieri, lunedì 18 maggio, una pattuglia di caschi bianchi faentini si è presentata a casa dello stesso per convocarlo in Comando in via Baliatico. L’uomo, messo di fronte all’evidenza dei fatti, ha confessato subito il furto. Purtroppo però la bicicletta non è stata recuperata, poiché il ladro era già riuscito a rivenderla ad altro soggetto di cui non ha voluto però indicare il nome. Il cittadino albanese è stato immediatamente denunciato per furto aggravato ai sensi degli art 624 e 625 del codice penale.

La Polizia Locale invita colui che è attualmente in possesso della bicicletta rubata a presentarsi al Comando di via Baliatico e restituirla immediatamente, per non incorrere nel reato di ricettazione (648 cp) nel caso fosse invece fermato dai vigili in sella alla stessa.